Il Meteo in Veneto: alta pressione fino a venerdì, poi piogge e crollo termico

Domani cielo parzialmente nuvoloso o nuvoloso

MeteoWeb

Fino a venerdì mattina persisteranno condizioni di alta pressione, la caratteristica meteorologica saliente sarà l’aumento delle temperature con valori sopra la media anche di molto dapprima sui monti. Poi arriverà aria da nord che porterà precipitazioni più probabilmente sabato, quando le temperature diminuiranno“: sono le previsioni meteo per il Veneto, contenute nel consueto bollettino elaborato dagli esperti Arpav.

Oggi non si verificheranno precipitazioni. Cielo poco o parzialmente nuvoloso. Temperature in aumento leggero/moderato rispetto a lunedì, prossime alla media sulla pianura e sopra la media in modo leggero/moderato sui monti.

Domani cielo parzialmente nuvoloso o nuvoloso.
Precipitazioni: Assenti.
Temperature: Rispetto a martedì saranno più alte, eccetto andamenti irregolari nelle ore diurne sulla pianura; differenze anche sensibili rispetto a martedì, valori prossimi alla media sulla pianura e sopra la media anche di molto sui monti.
Venti: Deboli/moderati. Sulla pianura fino al mattino da nord-est e dal pomeriggio con direzione variabile, nelle valli con direzione variabile, in alta montagna da est.
Mare: Poco mosso.

Giovedì 14 sulla pianura fino al primo mattino nuvoloso, poi da sud nuvolosità in diminuzione fino a cielo sereno o poco nuvoloso ovunque dal pomeriggio. Sui monti sereno o poco nuvoloso.
Precipitazioni: Assenti.
Temperature: In aumento anche sensibile rispetto a mercoledì.
Venti: Deboli/moderati, in alta montagna da sud e altrove con direzione variabile.
Mare: Calmo.

Venerdì 15 fino al mattino cielo sereno o poco nuvoloso, poi nuvolosità in aumento con qualche pioggia dapprima sui monti e verso sera anche sulla pianura. Temperature in aumento fino al mattino e con andamento irregolare dal pomeriggio.

Sabato 16 alternanza di nuvole e rasserenamenti, delle precipitazioni più probabilmente su rilievi e zone limitrofe, quota neve in calo fino anche a 1800-2000 m, temperature in calo eccetto andamenti irregolari di notte sulla pianura.