Covid, l’indometacina al posto del paracetamolo è efficace e sicura

Un recente studio pubblicato su Nature ha dimostrato come l'indometacina sia un antivirale efficace contro il Covid-19, superando di gran lunga i benefici del paracetamolo

MeteoWeb

L’indometacina, un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS), è stato presentato come un agente antivirale ad ampio spettro. Uno studio clinico randomizzato in ambiente ospedaliero pubblicato di recente su Nature, ha valutato l’efficacia e la sicurezza di questo farmaco nei pazienti con malattia da Covid-19 positivi per RT-PCR. Un totale di 210 pazienti COVID-19 positivi alla RT-PCR che hanno fornito il consenso sono stati assegnati ad un gruppo di controllo o ad un gruppo casuale, sulla base della randomizzazione a blocchi. Il gruppo di controllo ha ricevuto cure standard comprendenti paracetamolo, ivermectina e altre terapie adiuvantiI pazienti nel gruppo del caso hanno ricevuto indometacina invece del paracetamolo, con la conservazione di altri farmaci. L’endpoint primario era lo sviluppo di ipossia/desaturazione inferiore a 93, mentre il tempo per diventare febbrile e il tempo per la risoluzione della tosse e della mialgia erano gli endpoint secondari. Erano disponibili i risultati di 210 pazienti, con 103 e 107 pazienti rispettivamente nel gruppo indometacina e paracetamolo. 

Abbiamo monitorato i profili dei pazienti insieme ai parametri clinici quotidiani – scrivono gli autori –. Inoltre è stata valutata la chimica del sangue al momento del ricovero e della dimissione. Poiché nessuno in nessuna delle braccia richiedeva ossigeno ad alto flusso, desaturazione con una SpO 2il livello di 93 e inferiore era l’obiettivo fondamentale. Nel gruppo indometacina, nessuno dei 103 pazienti ha sviluppato desaturazione. D’altra parte, 20 dei 107 pazienti nel gruppo paracetamolo hanno sviluppato desaturazione. I pazienti che hanno ricevuto indometacina hanno anche sperimentato un sollievo sintomatico più rapido rispetto a quelli nel gruppo del paracetamolo, con la maggior parte dei sintomi che sono scomparsi nella metà del tempo. Inoltre, 56 su 107 nel gruppo del paracetamolo avevano febbre al settimo giorno, mentre nessun paziente nel gruppo indometacina aveva la febbre. Nessuno dei due gruppi ha riportato alcun evento avverso. Il follow-up al quattordicesimo giorno ha rivelato che i pazienti del gruppo del paracetamolo avevano affrontato diversi disagi; i pazienti del gruppo di indometacina si lamentavano per lo più solo di stanchezza. L’indometacina è un farmaco sicuro ed efficace per il trattamento di pazienti con covid-19 lieve e moderato”.