Marte: Ingenuity mette a segno il 25° volo sul Pianeta Rosso, nuovi record di velocità e distanza

Ingenuity ha completato il suo 25° e più ambizioso volo

MeteoWeb

Ingenuity ha appena volato più lontano e più veloce di quanto mai fatto prima. Il drone-elicottero della NASA ha effettuato il suo 25° volo su Marte venerdì scorso, stabilendo nuovi record di velocità e distanza.

Sta battendo di nuovo i record! Ingenuity ha completato il suo 25° e più ambizioso volo. Ha battuto i suoi record di distanza e velocità al suolo, viaggiando a 704 metri a 5,5 metri al secondo, volando per 161,3 secondi,” ha reso noto il Jet Propulsion Laboratory della NASA, che gestisce la missione di Ingenuity.

Secondo il diario di volo di Ingenuity, la distanza massima coperta in precedenza dall’elicottero è stata di 625 metri, raggiunta durante un volo nel luglio 2021. Il suo precedente record di velocità era di 5 metri al secondo, che ha toccato in più voli. Tuttavia, il volo di venerdì non ha stabilito un record di durata, fermo a 169,5 secondi, segnato durante un volo nell’agosto 2021.

Ingenuity è atterrato sulla superficie del cratere Jezero di Marte nel febbraio 2021 con il rover Perseverance della NASA. Il piccolo elicottero è stato dispiegato dalla pancia del rover ad aprile e ha intrapreso una missione di un mese, di 5 voli, progettata per dimostrare che l’esplorazione aerea è possibile su Marte nonostante la sottile atmosfera del pianeta.

Ingenuity ha rapidamente superato quella campagna iniziale, ed ora è impegnato in una missione estesa, che spinge i confini del volo marziano, mentre il drone funge da scout per Perseverance, che si sta dirigendo verso l’antico delta di un fiume che un tempo esisteva all’interno di Jezero.

ingenuity
Credits: NASA/JPL-Caltech

Il volo di venerdì è stato il 2° in 5 giorni per Ingenuity e il 5° nell’ultimo mese: l’intensa attività non deve sorprendere, in quanto il rover Perseverance si è impegnato molto ultimamente nel suo viaggio verso il delta e Ingenuity deve tenere il passo. In effetti, il team della missione vuole che il piccolo elicottero raggiunga per primo il delta. “Ciò per due ragioni: telecomunicazioni e sicurezza,” ha spiegato Ben Morrell, ingegnere del JPL. “Ingenuity comunica solo con la stazione base su Perseverance, quindi deve rimanere abbastanza vicino per avere una buona connessione,” ha aggiunto. “Per sicurezza, l’ideale è se Ingenuity vola davanti a Perseverance per evitare di dover mai sorvolare o avvicinarsi al rover, per ridurre al minimo il rischio di qualsiasi contatto ravvicinato nello scenario peggiore“.