Inquinamento da particolato e meteo: la gravità è guidata delle teleconnessioni atmosferiche

Un nuovo studio dimostra che il modello di teleconnessione Atlantico orientale-Russia occidentale è tra i principali fattori climatici dominanti che portano a pattern meteorologici favorevoli al grave inquinamento da particolato nel nord della Cina durante l'inverno

MeteoWeb

Livelli elevati di particolato nell’atmosfera sono pericolosi per la salute umana e l’ambiente. Giorni di grave inquinamento da particolato, con concentrazioni medie giornaliere di PM2,5 superiori a 150 μg m-3, si sono verificati frequentemente nella Cina settentrionale, specialmente durante gli inverni boreali del 2013-2019. Un grave inquinamento da particolato si verifica generalmente sotto pattern meteorologici favorevoli caratterizzati da un’atmosfera stabile con venti deboli, in cui si accumulano gli inquinanti atmosferici emessi in superficie dalle attività umane”, si legge in uno studio, pubblicato sulla rivista Nature.

Il verificarsi di pattern meteorologici favorevoli è stato attribuito a variazioni di numerosi fattori climatici come la copertura del ghiaccio marino artico, la temperatura della superficie del mare e le teleconnessioni atmosferiche, ma i fattori climatici dominanti rimangono poco chiari”, riporta lo studio, che dimostra che il modello di teleconnessione Atlantico orientale-Russia occidentale è tra i principali fattori climatici dominanti che portano a pattern meteorologici favorevoli nella Cina settentrionale attraverso le propagazioni zonali e meridionali delle onde di Rossby.

“In questo studio, abbiamo identificato i fattori climatici dominanti che causano giorni di grave inquinamento da particolato durante l’inverno nella regione Pechino-Tianjin-Hebei. Il modello di teleconnessione Atlantico orientale-Russia occidentale è risultato essere il fattore climatico dominante (che induce il 36,3% dei giorni di grave inquinamento da particolato osservati nel periodo 2013-2019) che si traduce in pattern meteorologici favorevoli” a tali livelli di inquinamento “nella Cina settentrionale attraverso la propagazione di onde stazionarie su larga scala provenienti dalle medie-alte latitudini del Nord Atlantico all’Asia orientale attraverso l’Europa occidentale e la Russia occidentale”, scrivono i ricercatori. “Si è scoperto anche che le anomalie della temperatura superficiale del mare del Victoria mode nell’Oceano Pacifico settentrionale sono il secondo fattore climatico predominante (che induce il 18,5% dei giorni di grave inquinamento da particolato osservati nel periodo 2013-2019)”, che porta tale inquinamento nella Cina settentrionale “da un treno d’onde che si estende dal Pacifico settentrionale occidentale alle alte latitudini del Nord Pacifico”.

“I nostri risultati suggeriscono che, con l’aiuto delle previsioni stagionali dei modelli climatici, gli indici di questi due fattori possono essere utilizzati per prevedere il grave inquinamento da particolato sulla Cina settentrionale per il prossimo inverno, consentendoci di proteggere la salute umana mediante una pianificazione della qualità dell’aria”, concludono i ricercatori.