Si sente male dopo partita di calcetto: morto lo storico assistente di studio Piero Sonaglia, disposta autopsia

Sonaglia, storico assistente di studio di Maria De Filippi, è morto subito dopo una partita di calcetto a Ostia

MeteoWeb

E’ morto venerdì scorso Piero Sonaglia, storico assistente di studio di Maria De Filippi in tanti programmi.

Fa davvero malissimo. La tua voce, il tuo volto, il tuo sguardo attento, il tuo modo di esserci, la tua capacità di ascoltare. Sempre teso a cercare di fare la cosa giusta. Ho iniziato con te. Ho vissuto il mio lavoro sempre con te, il tuo sorriso e le tue spalle forti, pronto a portare la tua squadra e me per prima, sempre sani e salvi in porto. Nel modo giusto, per tutti. E ogni volta che sarò in studio non smetterò di cercare il tuo sguardo nella certezza che ti troverò, che mi capirai, in un secondo come sempre, nella certezza che alzerai il pollice per dirmi che va tutto bene. Ti ho voluto bene, ti voglio bene e te ne vorrò sempre,” ha scritto Maria De Filippi sul profilo ufficiale di Amici.

Sonaglia è morto subito dopo una partita di calcetto a Ostia, con il figlio 25enne. Il 51enne sarebbe deceduto forse a causa di un infarto mentre insieme ad amici e compagni rientrava negli spogliatoi nella struttura di via Amenduni.

I soccorsi sono stati inutili: quando gli operatori sono giunti sul posto non hanno potuto fare altro che riscontrare il decesso.

Secondo il referto del medico, a causare il malore potrebbe essere stato anche un trauma subito durante un’azione di gioco e uno scontro con un altro calciatore in campo. Piero Sonaglia, lo scorso novembre, era stato ricoverato in terapia intensiva per una forma grave di Covid.

Sulle cause della morte saranno effettuati accertamenti: sarà l’autopsia disposta dalla procura a stabilire le cause del decesso. L’esame sarà eseguito presso l’istituto di Medicina legale dell’università di Tor Vergata.