New York, attentato nella metropolitana a Brooklyn: “trovate armi ad alta capacità”, afroamericano in fuga | LIVE

New York, sparatoria nella metropolitana a Brooklyn: la pistola dell'attentatore si è inceppata, altrimenti sarebbe stata una strage. Il bilancio è di 29 feriti

/
MeteoWeb

Sono momenti drammatici a New York per un attentato terroristico nella metropolitana, dove “numerose persone sono state colpite da colpi di arma da fuoco” nella stazione sotterranea di Brooklyn tra la 36ª strada e la quarta Avenue a Sunset Park. Lo hanno riferito i Vigili del fuoco della città. Le prime immagini mostrano un ingente dispiegamento delle forze dell’ordine, raggiunte intorno alle 08:30 locali (le 14:30 italiane) da numerose richieste d’aiuto ai numeri d’emergenza. La sparatoria è avvenuta nel momento di massima affluenza di una stazione usata per le coincidenze tra le linee, tra Brooklyn e Manhattan. Decine di auto della polizia sono sul posto. Tutti i treni della linea D, R e N diretti in zona sono stati bloccati. Almeno 29 feriti sono stati trasportati al Maimonides Medical Center, al Kings County Hospital e in altri ospedali dell’area.

Persone stese a terra sulla banchina, vigili ma ferite e altre che cercano di tamponare il sangue con magliette e camicie: sono queste le prime immagini della sparatoria nella metro di New York che stanno comparendo sui media americani. Le immagini mostrano anche lunghe scie di sangue sul pavimento della stazione proprio di fronte a un vagone della metropolitana fermo. Secondo Cnbc, nel momento in cui la sparatoria è iniziata alcuni feriti si sono lanciati in un treno che stava passando per scappare.

Brooklyn, i momenti dell’attentato nella stazione della metropolitana di New York | VIDEO

La persona sospettata di aver aperto il fuoco nella metropolitana di New York indossava una maschera antigas e un giubbino arancione. Lo riporta la Cnn precisando che si tratta di un uomo. Il sospettato era vestito come un dipendente della Metropolitan Transportation Authority e il travestimento gli ha consentito di mimetizzarsi fra la folla e scappare. Secondo le prime ricostruzioni, si tratterebbe di un afroamericano alto circa 165cm e pesa circa 80kg.

Per quanto riguarda la sparatoria alla stazione della metropolitana della 36ª strada a Brooklyn, al momento non ci sono ordigni esplosivi attivi“. Lo afferma la polizia di New York in un tweet, chiedendo ad “eventuali testimoni” di chiamare le forze dell’ordine per dare informazioni su quanto accaduto. Qualcuno parla di un lacrimogeno lanciato poco prima della sparatoria, come mezzo per creare confusione. “La situazione è in via di sviluppo, sono stata aggiornata e sto seguendo da vicino. I primi soccorritori sono sul posto e continueremo a lavorare per fornire aggiornamenti mentre l’indagine continua“. Lo ha scritto su Twitter la governatrice dello stato di New York, Kathy Hochul, a proposito della sparatoria nella metropolitana a Brooklyn. “Chiediamo ai newyorkesi di tenersi alla larga da quest’area per la loro sicurezza“. E’ l’appello che ha lanciato Fabien Levy, il portavoce del sindaco Eric Adams.

La polizia ha rinvenuto nella stazione della metropolitana di Brooklyn teatro della sparatoria “diverse armi ad alta capacità“.  La pistola con la quale un uomo ha aperto il fuoco stamane in una stazione della metropolitana a Brooklyn si è inceppata, salvando vite. Lo riporta la Nbc News, citando fonti vicine alle indagini secondo le quali sul posto è stata trovata l’arma e tre caricatori, di cui uno bloccato al suo interno.

Il governatore di New York, Kathy Hochul, intervenendo alla conferenza stampa sulla sparatoria avvenuta questa mattina in una stazione della metro di Brooklyn, ha avvertito i newyorkesi che il sospetto è un uomo armato e potrebbe essere pericoloso, mentre la città vive una situazione di possibili sparatorie ancora in atto. “La tranquillità e la normalità sono state interrotte, brutalmente interrotte, da un individuo freddo e senza cuore che non si è preoccupato degli individui che ha aggredito mentre svolgevano semplicemente la loro vita quotidiana. Questo individuo è ancora a piede libero. Questo persona è pericolosa“, ha detto la Hochul, esortando i newyorkesi a rimanere vigili. Hochul ha aggiunto di aver parlato con il sindaco di New York City Eric Adams, che è risultato positivo al Covid-19, per rassicurarlo che l’intero stato era a fianco della città di New York e che “le sparatorie di massa devono finire e finire adesso“.

new york