Paleontologia: fossili di ragno conservati con l’aiuto di alghe microscopiche

Buona parte della nostra comprensione della storia della vita sulla Terra deriva da creature ben fossilizzate, come i fossili di ragno conservatisi grazie ad alghe microscopiche

MeteoWeb

L’eccezionale conservazione dei fossili di ragno di 22,5 milioni di anni dalla Francia meridionale potrebbe essere dovuta alle secrezioni di alghe microscopiche, note come diatomee, secondo un articolo pubblicato su Communications Earth & Environment. Animali piccoli e delicati – come ragni, insetti e anfibi ⁠ – sono raramente conservati in dettaglio all’interno della documentazione fossile. Il processo con l’aiuto delle diatomee appena descritto potrebbe essere responsabile di gran parte di ciò che sappiamo sull’evoluzione di queste creature.

Gran parte della nostra comprensione della storia della vita sulla Terra proviene da creature ben fossilizzate. Le parti del corpo mineralizzate ⁠ — come conchiglie, ossa e denti ⁠ — hanno un percorso di conservazione relativamente semplice, quindi sono rimasti molti di questi fossili. Tuttavia, i fossili di specie piccole e delicate e i fossili dei tessuti molli sono più rari, poiché hanno meno probabilità di fossilizzarsi, quindi i loro percorsi di conservazione sono meno conosciuti.

Immagine elettronica a scansione dell’addome di ragno fossilizzato che rivela un polimero nero sul fossile e la presenza di due tipi di microalghe: un tappeto di diatomee diritte sul fossile e diatomee centriche disperse nella matrice circostante. Questa immagine è sovrastata da mappe chimiche di zolfo (giallo) e silice (rosa) che rivelano che mentre le microalghe sono silicee, il polimero che ricopre il fossile è ricco di zolfo

Alison Olcott e colleghi hanno esaminato i fossili di ragno, trovati nei sedimenti di un antico letto di un lago nell’Oligocene di Aix-en-Provence, in Francia, utilizzando tecniche di microscopia ad alta risoluzione e hanno scoperto che erano circondati da microfossili di diatomee. È noto che queste microscopiche alghe acquatiche secernono sostanze ricche di zolfo durante la vita per formare stuoie algali. Gli autori suggeriscono che questa sostanza abbia rivestito i ragni e migliorato un processo chiamato solforazione, che ha stabilizzato e preservato i fragili corpi dei ragni.

Ragno fossilizzato della formazione di Aix-en-Provence in Francia visto in un campione in mano ricoperto da un’immagine al microscopio fluorescente dello stesso fossile. Sotto l’illuminazione normale è difficile differenziare il fossile di ragno dalla matrice rocciosa circostante, ma quando il fossile è eccitato dall’illuminazione UV, la sua composizione chimica lo fa autofluorescenza brillantemente, rivelando ulteriori dettagli della sua conservazione

Gli autori suggeriscono che questo processo potrebbe essere diffuso e responsabile di molti altri casi di conservazione eccezionale nei sedimenti lacustri degli ultimi 66 milioni di anni, quando le diatomee hanno iniziato a popolare i laghi continentali.