La Terra è un oblato: ecco perché il Chimborazo è la vetta più alta del nostro pianeta

Ecco perché la Terra e gli altri pianeti e lune non sono perfettamente rotondi, il "colpevole" è la forza centrifuga

MeteoWeb

Se si potesse utilizzare un enorme nastro di misurazione, partendo dal centro della Terra e arrivando alla vetta più alta del nostro pianeta, non ci troveremmo davanti il Monte Everest. Invece, la montagna più alta sarebbe dall’altra parte del mondo: il Chimborazo, in Ecuador

Con i suoi 8.848 metri l’Everest è la montagna più alta del mondo, ma il suo record vale soltanto per l’altezza sul livello del mare. Se si considera quella dal centro della Terra, il primato spetta al Chimborazo perché il nostro pianeta è in realtà un po’ schiacciato ai poli, come una persona che preme con entrambe le mani sulla parte superiore e inferiore di una palla. Di conseguenza, l’equatore, dove si trova l’Ecuador, sporge. Piuttosto che una sfera perfetta, la Terra è “oblata“, cioè ha la forma di una sfera leggermente appiattita. Infatti, “la maggior parte dei pianeti e delle lune non sono proprio sfere, di solito sono schiacciate in un modo o nell’altro,” ha affermato James Tuttle Keane, scienziato planetario del Jet Propulsion Laboratory della NASA.

Allora perché la Terra e gli altri pianeti e lune non sono perfettamente rotondi? Il “colpevole” è la forza centrifuga, ha spiegato Keane a Live Science, cioè l’apparente forza esterna sperimentata da un oggetto che sta ruotando.

Un pianeta rotante sperimenta la forza centrifuga. È un effetto che si può anche vedere in azione: basta girare su una sedia o in piedi, e si avverte un allontanamento dal centro. Oppure, se ci si siede su una giostra, “c’è un po’ di forza in più che agisce su di te su quella giostra, e quindi ti senti tirare,” ha affermato Keane.

Poiché i pianeti e le lune ruotano, la forza centrifuga li fa gonfiare ai loro equatori. L’effetto può essere molto lieve, ma buoni esempi di ciò sono Giove e Saturno. Se si osserva un’immagine globale di entrambi i giganti gassosi, si può notare che sono leggermente schiacciati e le parti centrali sono rigonfie. La forma schiacciata di questi pianeti è più evidente perché sono i pianeti che ruotano più velocemente nel Sistema Solare, ha evidenziato Keane. Più un oggetto gira velocemente, più la forza centrifuga agisce su di esso.

Un esempio estremo della forza centrifuga che agisce su un corpo è il pianeta nano Haumea, ha affermato Keane. Il pianeta nano risiede nella fascia di Kuiper, una regione di oggetti ghiacciati al di fuori dell’orbita di Nettuno. Haumea ha all’incirca le dimensioni di Plutone, ma gira così velocemente (una rotazione completa ogni 4 ore) che è “quasi a forma di uovo,” ha concluso Keane.