Animali, le stranezze del pesce cardinale: il maschio cova le uova in bocca

Al pesce cardinale maschio spetta covare le uova nella sua bocca e durante questo periodo, che richiede fino ad un mese, non può mangiare nulla

MeteoWeb

Con denti affilati come rasoi che incorniciano le sue fauci spalancate, il pesce cardinale tigre maschio (Cheilodipterus macrodon) è molto convincente per far fare marcia indietro a qualsiasi aspirante predatore. Questo “orgoglioso papà” probabilmente ha uno stato d’animo adatto al suo viso spaventoso: sta covando le uova nella sua bocca e durante questo periodo, che richiede fino ad un mese, non può mangiare nulla.

Al pesce cardinale tigre maschio spetta questo “dovere” perché sviluppa naturalmente una testa più lunga e una mascella più grande rispetto alle femmine, il che è più favorevole per covare le uova. Queste uova vengono fecondate nell’acqua: la femmina deporrà le uova vicino al maschio, che le feconderà e poi le porterà in bocca.

Anche se non hanno la responsabilità di covare, non è un’esperienza priva di stress per le femmine. Le femmine devono preoccuparsi della possibilità molto reale che il maschio ingoi accidentalmente (o di proposito) le uova. A volte, possono anche ingoiare alcune uova solo per superare il mese.

Fortunatamente, le femmine di pesce cardinale hanno sviluppato un trucco ingegnoso in risposta a questa eventualità: depongono uova “fittizie” senza tuorlo accanto alle uova vere nella speranza che, se il maschio ne ingoia alcune, molte saranno uova fittizie.

Il pesce cardinale tigre si trova in tutte le acque tropicali della regione indo-pacifica, comprese tutte le coste nord-occidentali, settentrionali e nord-orientali dell’Australia, dall’Australia Occidentale al Queensland. I pesci cardinali a strisce gialle sono originari dell’Indo-Pacifico occidentale, compresa la maggior parte della costa dell’Australia continentale.

I pesci cardinali non sono gli unici animali a covare le uova in bocca. Anche il pesce mascella maschio della famiglia Opistognathidae, che si trova nelle parti più calde dell’Oceano Atlantico, Pacifico e Indiano, lo fa. La rana di Darwin (Rhinoderma darwinii), originaria delle foreste temperate del Cile meridionale e dell’Argentina, è un’altra specie che cova le uova in bocca. Il maschio ingoia i suoi giovanissimi girini e li incuba nella sua sacca vocale fino alla schiusa.