Piogge torrenziali e inondazioni flagellano il Sudafrica: case e strade spazzate via, quasi 400 morti | FOTO

Spazzate via case, strade e ponti. Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza

  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
  • Foto STR / Ansa
    Foto STR / Ansa
/
MeteoWeb

Continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime delle piogge torrenziali e delle inondazioni che hanno colpito negli ultimi giorni la provincia KwaZulu-Natal, nell’est del Sudafrica: secondo il governo si contano al momento 395 vittime e non vi è ancora una stima dei dispersi, a 5 giorni dalla fase critica dell’ondata di maltempo.

Le precipitazioni hanno spazzato via case, strade e ponti, spingendo il governo a dichiarare lo stato di emergenza.

È stata la più grande tempesta mai registrata in Sudafrica: in alcune aree sono caduti oltre 450mm di pioggia in 48 ore, pari a quasi la metà delle precipitazioni annuali che in media si registrano a Durban, tra le località più duramente colpite.

Le autorità locali hanno lanciato un appello pubblico per ottenere aiuti, chiedendo donazioni di cibo non deperibile, acqua in bottiglia, vestiti e coperte.