Previsioni Meteo, conferme sul maltempo di Pasqua e il freddo di Pasquetta al Sud

Previsioni meteo: confermato nuovo peggioramento invernale tra Domenica di Pasqua e Lunedì di Pasquetta, il maltempo si concentrerà all'estremo Sud. Tornerà anche la neve a bassa quota in Appennino

MeteoWeb

L’evoluzione meteorologica per le festività di Pasqua e Pasquetta sembra delinearsi in maniera via via più chiara e anche più credibile, mano che ci si approssima all’evento, anche se, lo ribadiamo sempre, in presenza di azioni retrograde continentali, sorprese sulla traiettoria e, quindi, anche sull’incidenza di questi nuclei freddi possono esserci fino a poche ore prima.

Dunque, secondo le ultimissime proiezioni il giorno di Pasqua sarebbe caratterizzato dall’insorgenza di venti moderati o forti settentrionali e anche piuttosto freddi un po’ su tutti i bacini centro-meridionali, al Centro Sud in genere, sulle isole maggiori, ma venti sostenuti anche su diverse aree del Nord.

previsioni meteo fenomeni 17-18 aprile

 

Proprio per la festività di Pasqua, infatti, una moderata saccatura di matrice continentale,  affonderebbe la sua azione verso il Mediterraneo centrale apportando correnti decisamente più fredde proveniente dalla Russia. Siamo pur sempre in aprile e, quindi, per quanto l’estrazione della massa d’aria possa essere continentale, non si tratterebbe comunque di aria freddissima, tuttavia fredda abbastanza e in grado di comportare un sensibile calo termico, specie poi rispetto ai valori un po’ sopra media di appena un giorno precedente, della Vigilia: tra sabato 16 e la sera di domenica 17, verso il mattino di Pasquetta, lo scarto termico potrebbe essere anche intorno ai 10° se non oltre, soprattutto sulle regioni del medio Adriatico e su quelle centro-meridionali appenniniche.

L’impatto della massa d’aria più fredda, dovrebbe creare instabilità più importante soprattutto sulle regioni meridionali e di più sulle aree colorate in arancio verso il rosso, nella mappa interna. Fenomeni più irregolari e mediamente anche più deboli sulle aree colorate in giallo. Addensamenti sono attesi anche sull’Appennino centrale, soprattutto tra Umbria, localmente Marche occidentali, Nordest Lazio e Nordovest Abruzzo, qui anche con fiocchi in alta collina, a 8/900 m.  Le nevicate sui settori meridionali dove, quindi, l’instabilità sarebbe più accesa, potrebbero variare dai 1.100 fino a 1.400 m.  Tempo mediamente più asciutto e soleggiato sul resto del paese, salvo nubi irregolari qua e là, con temperature, però, in calo ovunque, sebbene in maniera meno apprezzabile al Nordovest, sulle isole maggiori e sulle aree tirreniche. Ulteriori e maggiori dettagli sul tempo per Pasqua e Pasquetta nei nostri quotidiani aggiornamenti.

Per il monitoraggio della situazione meteorologica consigliamo le pagine del nowcasting che consentono di seguire in diretta l’evoluzione delle più pericolose celle temporalesche e il loro tragitto: