Satellite meteorologico MetOp-SG-B: lo scatterometro supera i test, primo lancio nel 2024

Gli scatterometri svolgono un ruolo centrale nel monitoraggio del cambiamento climatico

MeteoWeb

Il modello di volo dello Scatterometer Antenna Subsystem (SAS) dei satelliti meteorologici di seconda generazione MetOp è stato ufficialmente consegnato dopo quattro mesi di test approfonditi presso lo stabilimento Airbus di Madrid. Sarà ora trasferito ad Airbus a Friedrichshafen (Germania) dove sarà integrato nel satellite insieme agli altri strumenti.
Il modello SAS protoflight è stato sottoposto a una lunga campagna di test in cui è stato sottoposto alle condizioni estreme che incontrerà durante il lancio e il funzionamento in orbita. Questi test includevano: spiegamento dell’antenna, ciclo termico, vibrazioni meccaniche e ambiente acustico.
È per noi una pietra miliare molto importante, poiché si tratta di un sistema a tre antenne con un dispiegamento in orbita molto complesso“, ha dichiarato Luis Guerra, Head of Airbus Space Systems Spagna. “I satelliti meteorologici MetOp-SG SAT-B si baseranno su due strumenti chiave con un importante contributo di Airbus in Spagna per svolgere la loro missione: lo Scatterometro (SCA) con il sottosistema Antenna (SAS) e l’Ice Cloud Imager (ICI).
Lo SCA con il suo principale sottosistema SAS è uno dei cinque strumenti a bordo di MetOp-SG SAT-B e fornirà una risoluzione due volte superiore rispetto ai satelliti MetOp di prima generazione. Misurerà la velocità e la direzione del vento sulla superficie dell’oceano, per aiutare a monitorare fenomeni di scala come i venti oceanici e le calotte glaciali continentali, e per controllare l’umidità del suolo sulla superficie terrestre – un fattore chiave dei flussi di acqua e calore tra il suolo e l’atmosfera. Si prevede che coprirà il 99% della superficie terrestre in un periodo di 2 giorni e con una risoluzione di 25 chilometri
I dati forniti dagli scatterometri sono stati utilizzati per oltre 30 anni, a partire da ERS-1 e 2, per le previsioni del tempo e delle onde. Più recentemente, con i satelliti MetOp, sono stati utilizzati per studiare fenomeni meteorologici insoliti come El Niño, gli effetti a lungo termine della deforestazione e i cambiamenti delle masse di ghiaccio marino intorno ai poli. Tutti elementi che svolgono un ruolo centrale nel monitoraggio dei cambiamenti climatici.
La serie di satelliti MetOp-SG SAT-B si concentra sull’uso di sensori a microonde che forniranno: sondaggi di temperatura e umidità di occultamento a infrarossi, microonde e radio potenziati; vettori di moto atmosferico polare estratti da immagini ottiche; nuove misurazioni di precipitazioni e nuvole a partire da immagini negli spettri ottico, submillimetrico e delle microonde; e misurazioni ad alta risoluzione del vettore del vento della superficie oceanica e dell’umidità del suolo estratti da osservazioni dello scatterometro. Questi dati contribuiranno a migliorare le previsioni meteorologiche numeriche – la spina dorsale delle nostre previsioni meteorologiche quotidiane – a livello regionale e globale.
Il primo lancio della missione MetOp-SG è previsto per il 2024 dopo il completamento dell’integrazione e dei test a livello di satellite. La vita operativa nominale di ciascuno dei tre satelliti MetOp-SG è di 7,5 anni, garantendo una copertura operativa completa per un periodo di 21 anni.