Il virologo Silvestri: il Covid è entrato “in una fase benigna, in autunno nuova recrudescenza”

Dall'autunno "nuova recrudescenza, saremo in grado di controllarla se ci faremo trovare preparati"

MeteoWeb

Che questa sarebbe stata l’evoluzione del virus, con buona pace dei virologi da ombrellone che pensavano il contrario, lo avevamo già previsto nel 2020. E così è avvenuto“. è quanto ha affermato Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, in un’intervista a Il Fatto Quotidiano. Secondo il noto virologo, il Covid è entrato “in una fase benigna“. La pandemia, ha precisato, non sta finendo, “ma già due mesi fa sostenevo che, con i vaccini e l’arrivo di Omicron, sarebbe presto finita la fase emergenziale della pandemia. E così è stato. Dovremo convivere con Sars-CoV-2 come si convive con tanti altri virus“.

Rispetto al percorso progressivo di allentamento dalle restrizioni, Silvestri ha afferma: “Detesto l’espressione ‘liberi tutti’, è insensata dal punto di vista scientifico e impregnata di un sottofondo moralista e stigmatizzante verso i malati. Il problema, semmai, è conciliare la necessità di contenere il virus con il fatto che le chiusure generalizzate portano a danni socio-economici e psicologici devastanti, soprattutto nei più poveri e nei più giovani. La scelta della convivenza col virus, che non è un ‘liberi tutti’ ma un approccio basato tanto sulla scienza che sul buon senso“.

Riguardo le mascherine al chiuso, il virologo ha sottolineato: “Trovo molto sensate le raccomandazioni del Cdc Usa, non dissimili dalle regole in vigore dal 12 maggio in Italia. La mascherina al chiuso è raccomandata solo se il livello di trasmissione del virus in una certa comunità è alto, livello che si determina sulla base di contagi, ricoveri ospedalieri e capacità di accoglienza del sistema sanitario. Con queste regole oltre il 90% degli americani al momento vive in aree dove la mascherina al chiuso non è obbligatoria“.

Dall’autunno, ha concluso Silvestri, dovremo attenderci “una nuova recrudescenza di Sars-CoV-2, che si comporterà come tutti i virus respiratori, seguendo un andamento tipicamente stagionale. Saremo in grado di controllarla se ci faremo trovare preparati, cioè con la popolazione ben vaccinata, non solo anziani fragili, tutti, bambini compresi, e con quantità efficaci nel ridurre il rischio di Covid severo per Omicron e varianti simili“.