La NASA testerà SpinLaunch, una fionda gigante per il lancio di satelliti nello spazio | VIDEO

SpinLaunch è una struttura dalla forma bizzarra, che somiglia ad un enorme yo-yo con una specie di piccola ciminiera: ecco in cosa consiste la sua innovativa strategia di lancio

MeteoWeb

La NASA sta testando un sistema di lancio unico. L’agenzia spaziale ha firmato un contratto per inviare un carico utile utilizzando un sistema suborbitale basato sull’energia cinetica sviluppato dalla società californiana SpinLaunch. Il volo di prova, previsto entro la fine dell’anno, “fornirà preziose informazioni alla NASA per potenziali future opportunità di lancio commerciale“, hanno affermato i rappresentanti di SpinLaunch in una dichiarazione.

Il nuovo accordo Space Act fa parte del Flight Opportunities Program della NASA, che aiuta a dimostrare le tecnologie che potrebbero aiutare i portafogli scientifici ed esplorativi dell’agenzia e stimolare la crescita dell’industria del volo spaziale privato.

spinlaunch
Credit: SpinLaunch

SpinLaunch mira a contribuire ad alimentare questa crescita con la sua nuova strategia di lancio. La struttura ha una forma bizzarra, che somiglia ad un enorme yo-yo con una specie di piccola ciminiera. La strategia prevede l’accelerazione dei razzi a velocità eccezionali qui sulla terraferma usando un braccio rotante e poi lanciandoli verso il cielo. I veicoli di lancio accenderanno i loro motori quando sono già in alto nel cielo, riducendo notevolmente la quantità di carburante e hardware – e, di conseguenza, denaro – necessari per raggiungere l’orbita.

La rotazione che avviene in questa struttura si svolge all’interno di quella che è in realtà una camera a vuoto in acciaio di 91 metri di diametro. Un carico utile attaccato a un braccio interno in fibra di carbonio viene fatto ruotare fino a una velocità di 8.000km/h. All’estremità, vi è il lanciatore, che può sostenere il carico di un satellite di massimo 100kg. Una volta raggiunta la giusta velocità di rotazione grazie al motore elettrico posto al centro, il carico verrà lanciato in orbita da un tunnel apposito.

SpinLaunch
Credit: SpinLaunch

SpinLaunch ha già condotto una serie di voli di prova dallo Spaceport America del New Mexico utilizzando il suo acceleratore suborbitale. La compagnia punta a lanciare i suoi primi voli di prova orbitali nel 2025.

Il nuovo accordo con la NASA rappresenta un’importante pietra miliare per SpinLaunch, ha affermato Jonathan Yaney, fondatore e CEO dell’azienda. “SpinLaunch offre un servizio di volo suborbitale e test ad alta velocità unico e il recente accordo di lancio con la NASA segna un punto di svolta chiave poiché SpinLaunch sposta l’attenzione dallo sviluppo tecnologico alle offerte commerciali. Quella che era iniziata come un’idea innovativa per rendere lo spazio più accessibile si è concretizzata in un approccio al lancio tecnicamente maturo e rivoluzionario. Non vediamo l’ora di annunciare presto altri partner e clienti e apprezziamo molto il continuo interesse e supporto della NASA per SpinLaunch”, ha dichiarato Yaney.

SpinLaunch è stata fondata nel 2014 per sviluppare un’alternativa ai razzi convenzionali per andare oltre l’atmosfera terrestre, cosa che secondo Yaney può fare con meno del 30% del carburante e delle strutture necessarie per un lancio tipico. In ogni caso, SpinLaunch non verrà mai utilizzato per lanciare astronauti; il mercato di riferimento dell’azienda è il lancio di piccoli satelliti, meno costoso e più facilmente disponibile.

L’acceleratore suborbitale nel New Mexico è solo l’inizio. La società ha anche in programma di costruire una struttura di lancio orbitale costiera. Per raggiungere l’orbita, verrebbe lanciato un carico dallo stesso tipo di struttura tre volte più grande di quella del New Mexico. Dopo aver raggiunto l’atmosfera superiore, si accenderebbe un piccolo motore a razzo per fornire la spinta extra necessaria per l’inserimento orbitale.

Di seguito, un video dimostrativo su questo innovativo sistema di lancio.

SpinLaunch, una fionda gigante per il lancio di satelliti nello spazio | VIDEO