CME colpisce la Terra e innesca tempesta geomagnetica G2

Una CME ha colpito la Terra generando, come previsto, tempeste geomagnetiche e aurore

MeteoWeb

Come previsto, un’espulsione di massa coronale (CME) ha colpito il campo magnetico terrestre ieri, 14 aprile. Il suo impatto ha innescato una tempesta geomagnetica classe G2 moderatamente forte, che ha raggiunto il picco intorno alle 18:00 UTC. La tempesta ora si sta placando (attualmente G1), ma la tregua potrebbe essere di breve durata. La Terra si sta muovendo nella scia fortemente magnetizzata della CME e gli “effetti di coda” potrebbero riportare i livelli a G2.

g1
Credit SWPC NOAA
g2
Credit: SWPC NOAA

Philip Granrud ha fotografato questa spettacolare aurora il 14 aprile, prima dell’alba a Kalispell, in Montana (USA):

Credit Philip Granrud (Kalispell, Montana, USA)

La CME è stata prodotta dall’inaspettata eruzione della macchia solare “morta” AR2987.

Le macchie solari sono regioni scure sulla superficie del Sole. Sono causate da un intenso flusso magnetico dall’interno della nostra stella. Queste macchie sono temporanee, possono durare da ore a mesi, e, nel caso specifico, la Regione Attiva AR2987, ormai considerata “morta“, ha ripreso vigore, producendo l’esplosione.

esplosione sole

esplosione macchia solare
Credit: Royal Observatory of Belgium

Cos’è un’espulsione di massa coronale

Un’espulsione di massa coronale (CME, acronimo dell’inglese coronal mass ejection) è un’espulsione di materiale dalla corona solare. Il materiale espulso, sotto forma di plasma, è costituito principalmente da elettroni e protoni: quando questa nube raggiunge la Terra può disturbare la sua magnetosfera.

Cos’è una tempesta geomagnetica

Quando sul Sole si verificano fenomeni di attività improvvisa e violenta, come i brillamenti, vengono emesse grandi quantità di particelle ad alta energia che viaggiano velocemente nello Spazio, a volte scagliate in direzione della Terra: questa corrente di particelle viene frenata e deviata dal campo magnetico terrestre, che a sua volta ne viene disturbato e distorto.
Quando avviene questo “impatto” la magnetosfera terrestre (la regione attorno alla Terra pervasa dall’azione del suo campo magnetico) subisce un forte contraccolpo che può causare blackout temporanei nelle reti elettriche o nei sistemi satellitari di comunicazioni. Alle tempeste geomagnetiche è anche associato il ben noto fenomeno delle aurore polari.