La Tempesta “Pamela”, un meteo-mostro che spaventa l’Europa (e l’Italia) in vista di Pasqua

Allerta Meteo in tutt'Europa per la violentissima tempesta "Pamela": ha caratteristiche tipiche di un uragano tropicale e domani sera si abbatterà su Irlanda e Portogallo. Influenzerà il tempo di Pasqua in tutto il Continente

/
MeteoWeb

Si chiama “Pamela” in base alla denominazione europea attribuita ufficialmente dall’Università di Berlino, anche se a livello internazionale è più conosciuta come “Evelyn“: tutti coloro che hanno osservato le immagini satellitari meteorologiche di stamani si sono senza ombra di dubbio accorti di quell’enorme vortice ciclonico degno di un uragano posizionato nel cuore dell’oceano Atlantico (vedi immagini nella gallery scorrevole in alto, a corredo dell’articolo).

E’ un vero e proprio “meteo – mostro“, un fenomeno meteorologico tanto estremo quanto raro in questo periodo dell’anno. Il nucleo della tempesta, a cuore caldo proprio come negli uragani tropicali, è sprofondato a 964hPa, un valore di pressione bassissimo che infatti sta determinando un gradiente barico pazzesco se pensiamo che nell’area più vicina del continente europeo, il Portogallo, abbiamo un’alta pressione di 1021hPa. La conseguenza sono venti impetuosi, che al momento sono limitati al mare aperto, in pieno oceano, e quindi non interessano aree abitate eccezion fatta per l’arcipelago portoghese delle isole Azzorre, dove da ieri il vento soffia impetuoso con raffiche di 101km/h misurate dalla stazione meteorologica di Horta, cittadina dell’isola di Faial.

Ma questa tempesta non rimarrà confinata soltanto nell’oceano Atlantico: già domani sera si abbatterà a Nord sull’Irlanda, e a Sud nel Portogallo dove si verificheranno forti temporali e piogge intense, accompagnate da venti impetuosi e mareggiate lungo le coste esposte. Successivamente, la perturbazione continuerà a muoversi verso occidente indebolendosi e frammentandosi, ma rimanendo comunque rilevante sotto il profilo meteorologico. E’ inoltre probabile che nei giorni centrali della prossima settimana, che è anche la Settimana Santa, l’arrivo dell’aria instabile e umida portata da “Pamela” nel Maghreb inneschi un nuovo Ciclone Afro-Mediterraneo che tra Giovedì 14 e Venerdì 15 Aprile potrebbe colpire Sardegna e Sicilia, anche in modo intenso, per poi richiamare sull’Italia un nucleo d’aria fredda dall’Europa nord/orientale, tramite i Balcani, proprio tra Pasqua e Pasquetta, compromettendo così il tempo delle festività più attese dell’anno per quanto riguarda le attività all’aperto. Con il rischio che quest’anno non siano soltanto perturbate e variabili, come capita molto spesso per la concomitanza tra la Pasqua e il periodo stagionale di inizio primavera che è uno dei più incerti in assoluto nell’arco dell’anno, ma stavolta anche molto fredde con nevicate fino a bassa quota. Alla faccia del global warming.

Per il monitoraggio della situazione meteorologica consigliamo le pagine del nowcasting che consentono di seguire in diretta l’evoluzione delle più pericolose celle temporalesche e il loro tragitto: