Usa: allarme “overdose di massa” per l’uso del fentanyl, la droga che ha ucciso Prince

Usa, cresce la preoccupazione delle autorità per il sempre più diffuso uso del fentanyl

MeteoWeb

L’agenzia americana per la lotta contro le droghe ha messo in guardia oggi sul rischio di una “overdose di massa” causata da farmaci, diffusi tra i tossicodipendenti, contenenti dosi letali di fentanyl, un antidolorifico a base di oppiacei che ha stroncato, tra gli altri, la popstar Prince quattro anni fa. In una lettera alle forze dell’ordine la US Drug Enforcement Agency ha evocato i casi di diverse persone morte di overdose dall’inizio dell’anno nella stessa zona per aver aver ingerito senza saperlo quest’oppiaceo.

Negli ultimi due mesi, ci sono state 58 overdose e 29 decessi” in diversi Stati, ha affermato l’agenzia sottolineando che molte di queste persone credevano di aver assunto cocaina e non il fentanyl, considerato da 30 a 50 volte più potente dell’eroina e da 50 a 100 volte più potente della morfina. “Il fentanyl crea una forte dipendenza, si trova in tutti i 50 stati, e gli spacciatori lo stanno mescolando sempre più con altre droghe – in polvere o compresse – nel tentativo di aumentare la dipendenza e attirare clienti abituali“, sottolinea ha sottolineato l’agenzia. In particolare nel mirino ci sono farmaci come l’OxyContin, il Percocet e il Vicodin, potenti antidolorifici popolari tra i tossicodipendenti.

fentanyl allarme droga usa
Una dose letale di fentanyl