Dalla tecnologia del vaccino mRNA contro il Covid la prima cura per gli attacchi di cuore

Una ricerca rivoluzionaria ha identificato proteine ​​che potrebbero essere iniettate nei pazienti con infarto nel retro di un'ambulanza per prevenire la morte delle cellule cardiache

MeteoWeb

I cuori danneggiati vengono rigenerati utilizzando la stessa tecnologia dei vaccini Covid, nel tentativo di sviluppare la prima cura al mondo per le vittime di infarto. Gli scienziati del King’s College di Londra hanno identificato codici genetici chiave, chiamati mRNA, che producono proteine ​​che stimolano la creazione di nuove cellule cardiache sane. Questi mRNA possono essere forniti direttamente al muscolo cardiaco in seguito a un infarto utilizzando la stessa tecnologia dei vaccini Pfizer e Moderna. La ricerca rivoluzionaria ha anche identificato proteine ​​che potrebbero essere iniettate nei pazienti con infarto nel retro di un’ambulanza per prevenire la morte delle cellule cardiache.

Circa 100.000 persone vengono ricoverate negli ospedali del Regno Unito ogni anno dopo un infarto, che si verifica quando l’afflusso di sangue al cuore è bloccato, causando la morte di un miliardo di cellule cardiache. Poiché il cuore umano non ha la capacità di ripararsi, le vittime rimangono con una cicatrice permanente che spesso porta a insufficienza cardiaca debilitante e potenzialmente mortale. La nuova terapia con RNA (acido ribonucleico) ha il potenziale per trasformare la medicina cardiovascolare e prevenire che milioni di vittime di infarto sviluppino insufficienza cardiaca.

Finora l’approccio rivoluzionario è stato utilizzato con successo per rigenerare i cuori di maiale danneggiati e dovrebbe iniziare la sperimentazione umana entro due anni. Il professor Mauro Giacca, che guida la ricerca, ha detto: “Noi nasciamo tutti con un determinato numero di cellule muscolari nel nostro cuore e sono esattamente le stesse con cui moriremo. Il cuore non ha la capacità di ripararsi dopo un attacco cardiaco. Il nostro obiettivo era trovare un trattamento in grado di convincere le cellule sopravvissute a proliferare. Rigenerare un cuore umano danneggiato era un sogno fino a pochi anni fa, ma ora può diventare realtà. Stiamo utilizzando esattamente la stessa tecnologia dei vaccini Pfizer e Moderna per iniettare micro RNA nel cuore, raggiungendo le cellule cardiache sopravvissute e spingendone la proliferazione. Le nuove cellule sostituirebbero quelle morte e invece di formare una cicatrice, il paziente ha nuovo tessuto muscolare”.

Il team di Giacca, con sede presso il British Heart Foundation Center for Research Excellence at King’s, sta anche sviluppando un trattamento per prevenire la morte delle cellule durante un infarto Come ha riferito Giacca: “Abbiamo individuato tre proteine ​​che impediscono alle cellule del cuore di morire incoraggiandole a ripararsi. L’idea è ora di produrre queste proteine ​​in modo che possano essere iniettate immediatamente dopo un infarto, sul retro di un’ambulanza o quando il paziente raggiunge l’ospedale“. Dopo che le condizioni di un paziente si sono stabilizzate, l’altra terapia, che incoraggia la crescita di tessuto cardiaco sano, potrebbe quindi essere somministrata direttamente all’arteria coronaria tramite un catetere.

Se le sperimentazioni cliniche andranno bene sarebbe la medicina campione d’incassi nella storia della cardiologia. Entrambi gli approcci sono super eccitanti. Sarebbe davvero trasformativo. È un territorio completamente nuovo. La rivoluzione terapeutica avvenuta negli ultimi anni nel cancro, dove c’è l’immunoterapia e le terapie biologiche mirate, non si è verificata per il cuore. Il trattamento per infarti e insufficienza cardiaca rimane molto simile a 50 anni fa e i principali pilastri della terapia sono i farmaci sviluppati negli anni ’70 come i beta-bloccanti e gli ACE-inibitori. Giacca, che si è trasferita a Londra dall’Università di Trieste nel 2019, ha riconosciuto che c’erano sfide da affrontare ma era ottimista che le prove umane sarebbero state completate entro tre anni. Finora i test sono stati su topi e maiali giovani e sani, non su un essere umano anziano. Ma non c’è modo di risolverlo se non durante il processo“, ha precisato Giacca.

La sua ricerca è finanziata dalla British Heart Foundation (BHF), che mira a raccogliere 3 milioni di sterline per gli studi sulla medicina rigenerativa come Charity of the Year per la TCS London Marathon 2022. Il professor Sir Nilesh Samani, direttore medico del BHF, ha dichiarato: “L’insufficienza cardiaca è una condizione debilitante che colpisce drammaticamente la vita di quasi un milione di persone nel Regno Unito. La ricerca finanziata da BHF ha guidato i trattamenti per offrire alle persone con insufficienza cardiaca una vita più lunga e più sana, ma non esiste una cura. La medicina rigenerativa offre questa speranza. Il denaro raccolto dalla TCS London Marathon 2022 consentirà al Professor Giacca e al suo team di spingere i confini della scienza trovando modi per insegnare al cuore a ripararsi. Sbloccare questi segreti potrebbe aiutare a guarire i cuori e trasformare i risultati per le persone che vivono con insufficienza cardiaca“.

Il vaccino Pfizer-BioNTech ha aperto la strada al trattamento dell’RNA
Prima della pandemia, la ricerca medica su un tipo di codice genetico chiamato RNA era considerata un campo oscuro e sperimentale. Poi, a dicembre 2020, il vaccino Pfizer-BioNTech è stato approvato dalle autorità di regolamentazione medica, diventando non solo il primo vaccino Covid-19 al mondo, ma anche il primo trattamento a base di RNA in assoluto. Le molecole di RNA sono i messaggeri che traducono il DNA, il tuo codice genetico, in istruzioni per le cellule per rendere i milioni di diverse proteine ​​vitali per il funzionamento del nostro corpo.

Gli scienziati hanno ora trovato un modo per dirottare questo processo, inserendo l’RNA sintetico nelle cellule umane in modo che producano qualsiasi tipo specifico di proteina desiderino. I vaccini Pfizer e Moderna ad RNA messaggero (mRNA), ad esempio, contengono un’istruzione genetica per le cellule per produrre la proteina spike del virus Covid-19. Questo quindi fa sì che il corpo produca anticorpi contro la proteina spike, allenando il sistema immunitario ad agire rapidamente quando infettato dalla cosa reale.

L’RNA nella soluzione vaccinale è “nascosto” all’interno di nanoparticelle lipidiche – molecole grasse innocue – in modo che possa entrare all’interno delle cellule umane senza essere distrutto dal sistema immunitario dopo essere stato iniettato. Il rapido sviluppo e il successo di questi vaccini Covid mRNA ha aperto le porte a trattamenti simili, portando a miliardi di dollari di investimenti nella tecnologia dell’RNA. Le prove di un vaccino per l’HIV mRNA sono iniziate all’inizio di quest’anno e gli scienziati ritengono che la tecnologia potrebbe essere utilizzata anche per curare il cancro, la rabbia e la malaria.