Compra un busto per 34 dollari in un negozio ma è un antico reperto romano

Un negozio Goodwill, in Texas, ha messo in vendita un busto al prezzo di 34,99 dollari: è emerso che si trattava di un busto romano sottratto alla Germania durante la Seconda Guerra Mondiale

MeteoWeb

Laura Young stava curiosando in un negozio Goodwill, nome affermato nel settore della decorazione, ad Austin, in Texas, nel 2018 quando ha trovato un busto in vendita. Era appoggiato sul pavimento, sotto un tavolo, con il cartellino del prezzo attaccato su una guancia: 34,99 dollari. La donna ha deciso di comprarlo. Alla fine, con grande sorpresa, è emerso che non era solo un curioso oggetto in pietra da sistemare in giardino. Si trattava di un vero e proprio busto romano della fine del I secolo a.C. o dell’inizio del I secolo d.C., che aveva fatto parte della collezione d’arte di un re bavarese dal XIX secolo finché è stato rubato durante la Seconda Guerra Mondiale.

Come sia arrivato in Texas rimane un mistero ma il percorso più probabile suggerisce che sia stato preso da un soldato americano dopo che la villa del re bavarese in Germania fu bombardata dalle forze alleate. Questa settimana è stato esposto al San Antonio Museum of Art, accanto ad un cartello che riconosceva il ruolo della signora Young nel suo improbabile viaggio di 2.000 anni dall’antica Roma al negozio Goodwill sulla Far West Boulevard di Austin.

L’anno prossimo, sarà restituito al governo bavarese in base ad un accordo con la signora Young che ha posto fine alla sua complessa relazione con l’antico manufatto, che aveva tenuto su un mobile nel suo soggiorno negli ultimi tre anni e mezzo. Lo aveva chiamato “Dennis Reynolds”, dal nome di un personaggio della serie comica “C’è sempre il sole a Philadelphia”. Come quel mascalzone vanitoso e narcisista, il busto di marmo di 23,5kg era “un uomo molto difficile, freddo, distaccato e privo di emozioni che mi ha causato alcuni problemi”, ha detto la signora Young.

Quando la donna, commerciante di oggetti d’antiquariato e vintage, ha notato il busto per la prima volta, sapeva che probabilmente era prezioso. “L’ho portato fuori alla luce. Ha avuto riparazioni evidenti. Sembra vecchio. Sono stata nei musei. Ho già visto teste di ritratti romani”, ha detto. Young ha fatto una ricerca di immagini su Google per “busto romano” e si è resa conto che assomigliavano molto a quel busto.

Dopo averlo portato a casa, allacciato alla cintura di sicurezza sul sedile anteriore della sua auto, ha contattato due case d’aste, Bonhams e Sotheby’s, che hanno entrambe confermato che la sua intuizione era giusta: il busto proveniva dall’antica Roma. Quando ha ricevuto l’email da Bonhams, Young era in vacanza per festeggiare il suo 40° compleanno e voleva tornare a casa immediatamente. Ma una ricerca successiva, autenticata dal governo bavarese, ha presto confermato che la signora Young non avrebbe potuto vendere il pezzo.

Prima del 1833, il busto era stato acquistato da Ludovico I, un re bavarese, che lo espose nel giardino del Pompejanum, la sua replica di una villa romana a Pompei, nella città bavarese di Aschaffenburg, secondo Leila A. Amineddoleh, avvocato della signora Young. Il Pompejanum è stato gravemente danneggiato dai bombardamenti alleati nel 1944 e nel 1945, e sebbene alcuni dei suoi oggetti siano sopravvissuti, altri sono scomparsi, ha detto Amineddoleh.

Il saccheggio di tesori d’arte da parte dei nazisti ha guadagnato un’attenzione diffusa. Ma poiché il busto è finito in Texas, è probabile che un membro del servizio americano l’abbia rubato o scambiato dopo la guerra, ha aggiunto l’avvocato. Ciò significa che la signora Young non era la legittima proprietaria perché la Germania non aveva mai venduto il busto. La signora Young ha detto che nemmeno Goodwill è stato in grado di fornire risposte sulle sue origini.

Immediatamente, ho pensato “ok, non posso tenerlo e non posso nemmeno venderlo”. Ma ho il controllo solo su ciò che posso controllare, e il furto d’arte, il saccheggio durante una guerra, è un crimine di guerra. Non posso esserne parte”, ha spiegato Young. Quindi ha raggiunto un accordo per far rispedire il busto in Baviera. In cambio, riceverà solo un “piccolo compenso”, che l’avvocato non ha voluto rivelare. “Siamo molto lieti che un pezzo di storia bavarese che pensavamo fosse andato perduto sia riapparso e presto potrà tornare nella sua giusta posizione“, ha affermato Bernd Schreiber, Presidente dell’amministrazione bavarese dei palazzi, dei giardini e dei laghi di proprietà statale in un comunicato diffuso dal San Antonio Museum of Art.

Si ritiene che il busto ritragga un figlio di Pompeo Magno, sconfitto in battaglia da Giulio Cesare, o Nerone Claudio Druso Germanico, un comandante romano le cui forze un tempo occupavano il territorio tedesco. Il San Antonio Museum of Art esporrà il busto fino a maggio 2023, un qualcosa che era importante per la signora Young. “È stato nascosto per 70-80 anni. Penso che meriti un po’ di attenzione. E penso che meriti un po’ di attenzione in Texas”, ha detto. Il mese scorso, la donna ha consegnato il busto al museo. “È un po’ difficile perché questa sarà probabilmente la cosa più bella che io abbia mai trovato, ed è finita. Ma c’è sempre qualcos’altro da trovare. Se sei un antiquario, c’è sempre qualcos’altro“, ha concluso Young.