Covid, l’oncologo: “vaccino inutile, conseguenze negative sulla salute”

"Che vaccino è quello che - nonostante tre dosi! - assicura una protezione che tende a svanire dopo tre mesi?", si chiede l'oncologo Mariano Bizzarri

MeteoWeb

Mariano Bizzarri, oncologo e ricercatore presso il dipartimento di Medicina Sperimentale dell’Università La Sapienza di Roma, ha messo nero su bianco, sulle pagine del Fatto quotidiano, le sue perplessità sui vaccini anti Covid e in particolare sulla copertura e sull’efficacia in calo, come effetti collaterali in preoccupante aumento.

Nonostante la guerra in Ucraina abbia ora rubato la scena mediatica al Covid, il timore che in autunno il virus possa tornare a diffondersi è concreto. Ma i timori sono anche riferito ai vaccini, in merito ai quali Bizzarri cita uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet che conferma come la protezione assicurata contro le forme gravi della malattia e il ricovero ospedaliero, che dopo tre dosi di Pfizer si aggira intorno all’80%, subisca un drastico crollo al 50% dopo solo 3 mesi dalla terza dose. “Ma che vaccino è quello che – nonostante tre dosi! – assicura una protezione che tende a svanire dopo tre mesi?“, chiede Bizzarri.

A preoccupare Bizzarri, in particolare, sono gli effetti collaterali del vaccino. Stephanie Seneff, direttore di ricerca al Mit di Boston, sulla rivista Food and Chemical Toxicology ha precisato come: “La vaccinazione induce una profonda compromissione nella trasmissione del segnale dell’interferone-1, il che ha diverse conseguenze negative per la salute umana; (le modificazioni indotte dal vaccino) hanno potenzialmente un nesso causale con malattie neurodegenerative, miocardite, trombocitopenia immunitaria, paralisi, malattie del fegato, ridotta immunità adattativa, ridotta risposta al danno del Dna e sviluppo di tumori“.

A sottolineare l’incidenza della miocarditi è anche uno studio pubblicato su Nature Scientific Report, che spiega come questa “sia cresciuta di oltre il 25% tra i giovani sottoposti a vaccino con parallelo incremento delle morti cardiache improvvise. Cifre che fanno preoccupare“, sottolinea Bizzarri.

E infine il “business” dei vaccini. Bizzarri parla di un report della BionNTech, produttrice del vaccino Pfizer, che ammette: “Le nostre entrate dipendono fortemente dalle vendite del nostro vaccino contro il Covid-19 e le nostre entrate future dal nostro vaccino contro il Covid-19 sono incerte (dato che) il profilo di sicurezza del nostro vaccino contro il Covid-19, compresi gli effetti collaterali precedentemente sconosciuti o l’aumento dell’incidenza o della gravità degli effetti collaterali noti possono essere un fattore di rischio“. “È evidente – conclude Bizzarri – che, qualora le aziende non ottengano l’autorizzazione definitiva, si aprirebbe un contenzioso legale senza fine, con richieste di risarcimento danni che travolgerebbero aziende e governi“.