Incendio sul Vesuvio: a Napoli importante conferenza a 5 anni dal devastante rogo

A Napoli la conferenza "Dissesto idrogeologico e incendi boschivi. Storia e attualità della prevenzione"

MeteoWeb

Tutti ricordiamo l’incendio che colpì il Parco Nazionale del Vesuvio nel Giugno del 2017. A distanza di 5 anni terremo a Napoli un importante conferenza organizzata in collaborazione con l’Ordine dei Geologi della Campania ed in programma Lunedì 30 Maggio presso il Palazzo delle Arti “Sala Di Stefano” in Via dei Mille 60”: lo ha annunciato il geologo Gaetano Sammartino Presidente della Società Italiana di Geologia Ambientale sezione Campania. “Grave anche quanto è accaduto sullo Stromboli. A Napoli saremo a confronto su “Dissesto idrogeologico e incendi boschivi. Storia e attualità della prevenzione. La necessità di organizzare questo workshop nasce dal fatto che sempre più spesso assistiamo alle modificazioni fisiche provocate dagli incendi boschivi che rappresentano serie premesse per l’incremento del rischio per l’ambiente e le attività antropiche, anche dopo lo spegnimento degli incendi. Il comportamento dei versanti cambia drasticamente quando la copertura vegetale viene devastata dagli incendi che, oltre a provocare la distruzione della vegetazione – ha continuato Sammartino – generano uno strato di cenere finissima che rende momentaneamente impermeabile la superficie del suolo. Dopo un incendio si ha la riduzione delle infiltrazioni con il conseguente aumento delle acque ruscellanti che determinano condizioni di pericolosità.
L’accentuarsi dei fenomeni dovuti al cambiamento climatico, con una progressiva diminuzione delle precipitazioni piovose medie, sta riducendo sempre più il potere autorigenerante del bosco con una conseguente strisciante desertificazione che interesserà parti sempre più estese dei rilievi montuosi.
L’evento, indirizzato ai tecnici ed ai ricercatori (geologi, agronomi, forestali, ecc.) interessati alla problematica del dissesto geo-idrologico, desidera coinvolgere le istituzioni, gli Enti pubblici e gli Enti di ricerca più impegnati nella previsione, prevenzione, monitoraggio e mitigazione del rischio idrogeologico.
Al convegno saranno presenti i rappresentanti istituzionali, gli esperti e studiosi del settore, i presidenti degli ordini professionali interessati”.