Dallo spazio al clima: i satelliti rivelano le dinamiche costiere del delta del Danubio

Il delta del Danubio è uno degli ecosistemi più importanti nel suo genere: ecco cosa hanno rivelato i dati satellitari sulle sue dinamiche negli ultimi 30 anni

MeteoWeb

Centinaia di immagini satellitari nell’arco di 30 anni sono state raccolte per mostrare l’evoluzione del delta del Danubio, il secondo delta fluviale più grande d’Europa. Questi risultati sono stati presentati al Living Planet Symposium dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), in corso a Bonn, in Germania, dove vengono discusse le ultime scoperte scientifiche sul nostro pianeta e di come l’osservazione della Terra dallo spazio supporti la ricerca ambientale e l’azione per combattere la crisi climatica.

Le aree costiere sono state soggette a un’intensa urbanizzazione e crescita demografica e le più colpite sono le aree più basse come i delta. Considerato Riserva della Biosfera dall’UNESCO, il delta del Danubio è uno degli ecosistemi più importanti nel suo genere e, come molte altre aree deltizie nel mondo, ha subito la sua parte di pressione umana negli ultimi decenni. La riduzione degli apporti di sedimenti nelle aree costiere ha portato a una maggiore fragilità e all’espansione dell’erosione che devono essere attentamente monitorate.

Il progetto Space for Shore, finanziato dall’ESA, fornisce una varietà di strumenti per monitorare l’erosione costiera utilizzando prodotti di osservazione della Terra. Il consorzio è composto da esperti tecnici di cinque Paesi europei. Durante la prima fase del progetto, una delle principali aree di interesse è stata l’analisi della zona umida del delta del Danubio e della sua costa.

Terrasigna, in collaborazione con la Sfântu Gheorghe Marine and Fluvial Research Station, ha elaborato e analizzato più di 200 singole immagini satellitari, inclusi i dati della missione Copernicus Sentinel-2 e delle missioni statunitensi Landsat 5 e Landsat 8. Questa lunga serie temporale copre un periodo di 30 anni, dal 1990 al 2020, e si estende su 130km di costa.

Grazie all’elevato numero di osservazioni disponibili, il team è stato in grado di rilevare le complesse dinamiche dei modelli di cambiamento nel delta. Mentre alcune aree hanno assistito a periodi di erosione costanti, alcune regioni hanno sperimentato portate variabili di erosione e accumulo nel corso dei 30 anni. Per la prima volta, il team è stato in grado di individuare sezioni che erano stabili o, al contrario, avevano accelerato il loro tasso di erosione.

I risultati mostrano che il delta del Danubio, tra Sulina e Capo Midia, è caratterizzato principalmente da processi di erosione. Il massimo indietreggiamento della costa osservato è stato di 330 metri, che si traduce in circa 11 metri di erosione all’anno. Sul lato opposto, le velocità massime di accrescimento superano appena i 4 metri all’anno. Pertanto, i maggiori avanzamenti della costa sono stati osservati nella parte meridionale della regione, dove è avanzata di oltre 120 metri nel corso di 30 anni.

delta del danubio
Contains modified Copernicus Sentinel data (2021), processed by ESA/Space for Shore

Sebbene altri fattori contribuiscano alla distribuzione dell’erosione e delle aree di accumulo lungo il delta del Danubio, il team ha osservato una buona correlazione tra i tassi di erosione e la stabilità delle barene sommerse. L’elevato numero di osservazioni ha consentito al team di confrontare diversi modelli di dinamica e comportamento sedimentario costiero che non sarebbero stati possibili utilizzando le tecniche di rilevamento standard. Questi includono l’entità dei tassi di accumulo indotti dalle piene storiche del fiume nel 2005-2006, l’impatto di tempeste ad alta energia e il successivo recupero della spiaggia dopo questi eventi. Questi risultati sono stati quindi convalidati sulla base di misurazioni in situ e immagini ad altissima risoluzione, e mostrano un’elevata precisione per entrambi gli indicatori, il che supporta l’utilità dei dati di osservazione della Terra per tali studi.

Sorin Constantin, scienziato dei dati di osservazione della Terra presso Terrasigna, ha commentato: “tali capacità offerte dalle missioni satellitari e la finezza raggiunta dagli strumenti sviluppati sono preziose per una migliore gestione delle aree costiere, non solo nella regione del delta del Danubio, ma anche per località turistiche nel sud della Romania. Qui, a causa dell’intensificarsi dell’erosione, sono state adottate misure per contrastare la perdita di spiaggia. Negli ultimi anni sono state intraprese ampie attività di ripascimento per molteplici settori. Si spera che fornire alle autorità analisi dettagliate sulle dinamiche costiere, con l’aiuto dei satelliti di osservazione della Terra, porti a un migliore processo decisionale in termini di protezione costiera”.

Olivier Arino, Senior Advisor per la Direzione dei Programmi di Osservazione della Terra dell’ESA, ha aggiunto: “l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change prevede un aumento dell’innalzamento del livello del mare che va da mezzo metro a un metro entro la fine del secolo. Ciò non farebbe che aumentare l’erosione delle aree costiere come parte di questo studio e di molte altre aree del mondo. Grazie ai dati satellitari disponibili e al progetto Space for Shore, siamo in grado di fornire informazioni aggiornate basate su prove per l’entità dell’erosione per i gestori costieri in tutta la regione”.