Scoperta acqua marina fossile sotto la calotta antartica

I ricercatori hanno mappato un sistema dinamico di acque sotterranee saline sotto una corrente di ghiaccio antartico

MeteoWeb

Sebbene la prova diretta di un serbatoio di acque sotterranee che si trova sotto il sistema idrico subglaciale lungo la base della calotta glaciale antartica sia stata sfuggente, ora i ricercatori presentano osservazioni di un tale serbatoio sotto il Whillans Ice Stream nell’Antartide occidentale. In uno studio dei ricercatori dello Scripps Institution of Oceanography della University of California, San Diego, pubblicato su Science, e’ stato mappato un sistema dinamico di acque sotterranee saline sotto una corrente di ghiaccio antartico. Si stima che questo serbatoio contenga un volume d’acqua piu’ di 10 volte maggiore di quello del sistema idrologico subglaciale sovrastante.

Chloe Gustafson ed i suoi colleghi hanno utilizzato dati magnetotellurici e sismici passivi del Whillans Ice Stream per fornire le prime osservazioni di acque sotterranee del flusso subglaciale. Hanno dimostrato che i sedimenti subglaciali al di sotto del Whillans Ice Stream sono saturati con una miscela di acqua di mare fossile e acqua dolce del ghiacciaio. “Ci aspettiamo che sistemi idrici sotterranei simili esistano all’interno di altri bacini sedimentari marini che sono alla base del flusso di ghiaccio antartico“, hanno affermato gli autori. “Capire l’influenza di queste acque sotterranee sul comportamento della calotta glaciale richiedera’ la sua integrazione nella prossima generazione di modelli di calotta glaciale”.

Questa scoperta mette in evidenza l’idrologia delle acque sotterranee come un elemento potenzialmente critico nella comprensione dell’effetto del flusso d’acqua sulla dinamica della calotta glaciale antartica. L’acqua subglaciale si muove lungo la base della calotta glaciale antartica attraverso una rete idraulica sotto il ghiaccio nota come “sistema idrologico subglaciale”. Il flusso d’acqua in questo sistema svolge un ruolo importante nella modulazione del movimento del ghiaccio fornendo lubrificazione tra la calotta glaciale e il substrato roccioso, o provocando la deformazione dei sedimenti umidi sotto i ghiacciai. Attraverso questi due meccanismi, l’acqua alla base della calotta glaciale controlla la dinamica della calotta glaciale dell’Antartide e, potenzialmente, il suo contributo all’innalzamento del livello del mare.