Scoperti serpenti che imitano quelli a sonagli: osservato il “tail vibrating” in un Saettone occhirossi

Alcuni serpenti utilizzano la coda come metodo di difesa, analogamente ai serpenti a sonagli

MeteoWeb

Il team di ricercatori italiani guidato dall’erpetologo Matteo R. Di Nicola ha effettuato un’interessante scoperta in relazione al comportamento di alcuni serpenti: si è osservato che la coda viene utilizzata come metodo di difesa, analogamente ai serpenti a sonagli. La scoperta ha trovato riconoscimento nella pubblicazione online di un articolo scientifico da parte della rivista Herpetology Notes, che reca le firme dei ricercatori Matteo R. Di Nicola, Valerio Giovanni Russo, Andrea Senese, Francesco Paolo Faraone.

All’opera di ricerca ha collaborato anche il siracusano Sebastian Colnaghi, ambientalista e influencer di 21 anni, noto in Sicilia per il suo impegno a difesa del territorio e dell’ambiente, incluso negli autori dell’articolo scientifico per avere fornito una video-documentazione del comportamento di “tail vibrating” ad opera di un Saettone occhirossi (Zamenis lineatus) osservato a Licata (AG).
Questo comportamento di difesa era stato osservato e descritto fino ad oggi solo per la specie affine “Zamenis longissimus” ma mai per “Zamenis lineatus”.