Per l’UE Putin è più pericoloso del global warming: via libera al carbone pur di abbandonare il gas russo

L'UE utilizzerà il 5% di carbone in più di quanto previsto in precedenza nei prossimi 5-10 anni mentre cerca di sostituire le importazioni di energia russe

MeteoWeb

Con l’obiettivo di porre fine alla dipendenza energetica dell’Europa dalla Russia, l’UE ha dato il via libera a bruciare più carbone nel prossimo decennio. Il carbone è il combustibile a più alta intensità di carbonio, ma la Commissione Europea ha affermato che l’UE utilizzerà il 5% in più di quanto previsto in precedenza nei prossimi 5-10 anni mentre cerca di sostituire le importazioni di energia russe. Verrebbe utilizzata anche più energia nucleare, ha affermato un alto funzionario della Commissione.

L’insistenza dell’UE sulla necessità di porre fine all’uso di petrolio e gas russo è stata una delle maggiori conseguenze della guerra in Ucraina per l’Unione. Bruxelles vuole eliminare i legami con l’energia russa entro il 2027, sia per privare di entrate il Presidente Vladimir Putin, sia per darsi più libertà di manovra per agire contro Mosca. La decisione di fare maggiore ricorso al carbone influirà probabilmente sull’agenda green dell’UE, anche se la Commissione ha insistito sul fatto che avrebbe comunque raggiunto i suoi obiettivi di riduzione del carbone. Si prevede che il carbone produrrà altri 100 terawattora di energia, circa il consumo di elettricità del Belgio, all’anno nei prossimi 5-10 anni. Il nucleare, che è a basse emissioni di carbonio ma impopolare tra gli ambientalisti, dovrebbe produrre altri 44 terawattora all’anno.

Alla domanda se il piano REpowerEU fosse compatibile con il “green deal” dell’UE per decarbonizzare l’economia, Frans Timmermans, il commissario responsabile della sua attuazione, ha risposto che “non abbiamo scelta”. Insomma è come se per l’UE, Putin fosse diventato più pericoloso del temuto global warming.

La percentuale delle importazioni di gas dell’UE fornite dalla Russia era già scesa dal 40% dell’anno scorso al 26%, ha affermato il Presidente della Commissione Ursula von der Leyen. Una combinazione di misure di efficienza, ingenti investimenti nell’energia eolica e solare e acquisti di gas da altri Paesi, come gli Stati Uniti, mirerà a eliminare tutte le forniture russe entro il 2027, secondo il piano REpowerEU. I governi dovrebbero allentare la regolamentazione per consentire una costruzione più rapida di progetti eolici e solari.

La Commissione ha fatto infuriare i gruppi ambientalisti proponendo di vendere 20 miliardi di euro di permessi per le emissioni di carbonio in eccesso, che permetterebbero il rilascio di 250 milioni di tonnellate di CO₂ nell’ambito del sistema di scambio di emissioni. “Il piano della Commissione per accelerare il passaggio dell’UE a soluzioni energetiche pulite come l’efficienza energetica, l’energia eolica e solare è molto positivo”, ha affermato Ester Asin, direttore dell’ufficio politico europeo del WWF. “Ma finanziarlo vendendo permessi per l’inquinamento è fuorviante, così come costruire più infrastrutture per il gas fossile o fare affidamento su un maggiore utilizzo della biomassa. Ciò non farà che prolungare la nostra dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili e mettere a repentaglio gli obiettivi climatici”.

Parte del denaro proveniente dalla vendita dei permessi di emissione andrà a convincere l’Ungheria ad accettare un divieto dell’UE sul petrolio russo. L’opposizione di Budapest ha ritardato di diverse settimane le ultime sanzioni dell’UE contro la Russia. Circa 2 miliardi di euro aiuteranno Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e altri stati senza sbocco sul mare che dipendono completamente dal petrolio russo ad accedere a forniture alternative.