“Attacco con virus del vaiolo delle scimmie geneticamente modificato”: la profetica esercitazione del 2021

Un'esercitazione svoltasi nel 2021 ipotizzava una pandemia di vaiolo delle scimmie: "in 18 mesi, lo scenario si evolve in una pandemia catastrofica a livello globale

MeteoWeb

Nel corso del 2021 la Nuclear Threat Initiative (organizzazione senza scopo di lucro statunitense che si occupa di prevenire attacchi e incidenti catastrofici condotti con armi di distruzione di massa e armi di di tipo nucleare, biologico, radiologico, chimico) e la Munich Security hanno organizzato congiuntamente un’esercitazione di guerra pandemica durante il Covid nel 2021 che ha coinvolto un attacco localizzato di armi biologiche con il vaiolo delle scimmie geneticamente modificato. Una coincidenza che, letta oggi, risulta inquietante.

Nella pagina ufficiale della NTI si legge: “Questo terzo esercizio da tavolo annuale organizzato dal team Global Biological Policy and Programs di NTI (NTI | bio) in collaborazione con MSC fa parte della campagna “Beyond Westlessness: The Road to Munich 2021” di MSC. Questo sforzo include numerosi eventi e iniziative virtuali di alto livello volti a far avanzare il dialogo sulla politica di sicurezza sulle priorità per una nuova agenda transatlantica e gettare le basi per dibattiti di persona a Monaco nel corso dell’anno. L’esercizio di quest’anno è stato condotto su una piattaforma virtuale a causa della pandemia di COVID-19“.

E poi ancora: “La pandemia in corso ha evidenziato debolezze nell’architettura internazionale per prevenire, rilevare e rispondere alle minacce pandemiche. Questa è una preoccupazione urgente perché le future pandemie potrebbero eguagliare o superare l’impatto devastante del COVID-19 in termini di moti e di economie distrutte. Ancora più preoccupante è che ci sono lacune critiche nella supervisione della biotecnologia che creano opportunità per un uso improprio accidentale o deliberato con conseguenze globali potenzialmente catastrofiche. Ciò è stato illustrato nello scenario dell’esercitazione: un attacco localizzato di armi biologiche con un virus del vaiolo delle scimmie geneticamente modificato inizia nel paese immaginario di Brinia. In 18 mesi, lo scenario si evolve in una pandemia catastrofica a livello globale“.

Infine, conclude la nota di NTI: “Sono emersi temi chiave in merito alla necessità di rafforzare i sistemi internazionali di valutazione del rischio pandemico e di allerta precoce; stabilire chiari fattori scatenanti per una risposta preventiva a livello nazionale e un’azione precoce aggressiva per rallentare la trasmissione delle malattie e salvare vite umane; ridurre i rischi della biotecnologia e rafforzare il controllo della ricerca nel campo delle scienze della vita; e promuovere nuovi e più forti meccanismi internazionali di finanziamento della preparazione alla sicurezza sanitaria“.