“Come se il Covid non fosse mai esistito”: a Ibiza è tornato tutto come nel 2019

Dopo due anni di chiusura a causa del Covid, i famosi mega-club di Ibiza hanno riaperto i battenti, attirando folle di giovani

MeteoWeb

In queste calde notti di giugno, la pandemia è un lontano ricordo a Ibiza, che è tornata ad essere animata dalle sue super feste proprio come nel 2019. Come se il Covid non fosse mai esistito. “È come se il Covid non fosse mai accaduto qui dentro“, dice Michelle, un’operatrice sanitaria britannica di 31 anni all’ingresso di uno dei club dell’isola spagnola, gremito da 3.500 persone, secondo quanto riporta France24.  

Dopo due anni di chiusura a causa del Covid, i famosi mega-club dell’isola del Mediterraneo hanno riaperto i battenti, attirando folle di giovani. E tutto indica che i numeri saranno migliori di quelli pre-pandemia. Prima dell’emergenza sanitaria, infatti, il turismo rappresentava l’84% del prodotto interno lordo di Ibiza, per il quale il clubbing è una grande attrazione. La crisi sanitaria è stata “un vero disastro“, ha affermato Juan Miguel Costa dell’ente turistico dell’isola. 

La pandemia ha colpito tutti i settori, ma il settore del tempo libero, che impiega oltre 3.000 persone direttamente e indirettamente, è stato l’ultimo a riaprire completamente dopo la revoca delle restrizioni. 

Ma mentre i mega-club attirano turisti da tutto il mondo, molti residenti di Ibiza sostengono che l’isola non abbia bisogno di fare affidamento sulle super feste per attirare visitatori. Sottolineano che Ibiza e la vicina isola di Formentera hanno attirato 1,9 milioni di turisti nel 2021, poco più della metà dei numeri pre-pandemia, anche se la maggior parte dei locali notturni era chiusa. “Penso che Ibiza abbia capito che non viviamo solo di feste”, ha detto Jaume Ribas, portavoce di un’associazione chiamata “Prou”, che da anni fa pressioni contro il turismo di massa sull’isola. 

Dotata di numerose baie e spiagge meravigliose, Ibiza ospita solo 152.000 persone, ma la sua popolazione arriva fino a 450.000 durante il picco delle vacanze estive. L’afflusso causa problemi di traffico ed è considerato responsabile di un aumento della criminalità legata al traffico di droga, nonché della carenza di alloggi per la gente del posto. “I problemi sono aumentati quest’anno“, ha detto Ribas. 

Il governo regionale delle Isole Baleari, di cui Ibiza fa parte, ha affermato che sta lavorando per trovare un equilibrio tra turismo e sostenibilità. Tuttavia, l’associazione di Ibiza con le feste rimane forte, soprattutto ora che il turismo globale si sta riprendendo.