Creata pelle umana “vivente” per robot

Ideato un nuovo metodo per creare pelle artificiale con proprietà simili a quella naturale

MeteoWeb

Grazie a una nuova ricerca condotta dagli scienziati dell’Università di Tokyo, i cui risultati sono stati pubblicati su Matter, è stata realizzata pelle artificiale con materiali organici, in grado di aderire completamente alla struttura robotica, con funzioni idrorepellenti e autorigeneranti. Il team, guidato da Shoji Takeuchi, ha ideato un nuovo metodo per creare pelle artificiale con proprietà simili a quella naturale. “Il dito è azionato da un motore elettrico e restituisce un’impressione di naturalità. E’ importante cercare di riprodurre queste caratteristiche sui robot antropomorfi, perché una maggiore somiglianza con l’utente potrebbe migliorare l’efficienza della comunicazione ed evocare empatia,” ha spiegato Takeuchi.

I ricercatori hanno sviluppato un sistema di stampa dei tessuti per modellare direttamente la pelle attorno al robot, portando a una copertura perfetta su un dito robotico. “Il dispositivo artificiale è stato immerso in un cilindro con una soluzione di collagene e fibroblasti dermici umani, che compongono i tessuti connettivi della pelle. Questa miscela si è ridotta naturalmente adattandosi al dito. In modo simile al primer per la pittura, questo strato ha fornito una base uniforme per il successivo strato di cellule, i cheratinociti epidermici umani, che costituiscono il 90% dello strato esterno della pelle,” ha evidenziato Takeuchi. Il risultato finale ha mostrato ottime proprietà di forza ed elasticità, persino in grado di guarire in caso di ferite. “Questo studio costituisce il primo passo verso lo sviluppo di robot ricoperti di pelle viva. La pelle artificiale è più debole dell’epidermide e non può sopravvivere a lungo senza un costante apporto di nutrienti e la rimozione delle sostanze di scarto. Cercheremo di ovviare a queste difficoltà, ma credo che la pelle ‘vivente’ costituirà la soluzione definitiva per lo sviluppo di robot dall’aspetto umano,” ha concluso Takeuchi.