Scienze planetarie: trasporto di elettroliti in esopianeti ricchi di acqua

Gli esopianeti ricchi d'acqua e le lune ghiacciate sono ambienti promettenti per il verificarsi di processi biologici

MeteoWeb

Gli oceani sugli esopianeti ricchi di acqua possono essere arricchiti con elettroliti, inclusi sali come il cloruro di sodio, secondo quanto suggerisce uno studio di modelli pubblicato su Nature Communications. La ricerca propone che gli elettroliti possano essere trasportati dal nucleo roccioso di questi pianeti e potrebbero avere implicazioni per la potenziale abitabilità di questi mondi oceanici.

Gli esopianeti ricchi d’acqua e le lune ghiacciate sono ambienti promettenti per il verificarsi di processi biologici. I pianeti sono formati da un nucleo roccioso separato dall’acqua liquida da un guscio di ghiaccio ad alta pressione. È stato dibattuto se il trasporto di elettroliti dal nucleo roccioso nell’oceano liquido sia ostacolato dal guscio di ghiaccio.

Jean-Alexis Hernandez e colleghi hanno utilizzato simulazioni di dinamica molecolare e modelli termodinamici per esplorare come gli elettroliti potrebbero essere trasportati tra lo strato di ghiaccio e l’oceano su questi pianeti. Gli autori hanno scoperto che i sali, come il cloruro di sodio, potrebbero essere incorporati nei gusci di ghiaccio ad alta pressione e trasportati attraverso il ghiaccio nell’oceano. Sostengono che ciò dimostri che i mantelli di ghiaccio ad alta pressione potrebbero non fungere da barriere chimiche tra i nuclei rocciosi e gli oceani di acqua liquida.

Scrivendo in un commento di accompagnamento Baptiste Journaux suggerisce che lo studio “offre l’argomento più convincente finora per risolvere il dilemma dell’abitabilità dell’idrosfera planetaria di grandi dimensioni“.