Etna, lava da nuove fratture alla base della Valle del Bove

E' in corso un sopralluogo sull'Etna da parte di personale Ingv: il punto di emissione si trova ad una quota di circa 1800 m

MeteoWeb

L’Ingv di Catania, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, ha osservato alcune nuove fratture alla base della parete settentrionale della Valle del Bove, in zona Serracozzo, dalla parte più a valle di questo sistema di fratture sta avvenendo emissione di lava. Il punto di emissione si trova ad una quota di circa 1800 m. E’ in corso un sopralluogo da parte di personale Ingv. Per quanto riguarda l’ampiezza media del tremore vulcanico – si legge in una nota dell’Ingv – dalla tarda serata di ieri, si osserva una fase di graduale decremento che ha portato tale parametro da valori alti a medio-alti.

Le sorgenti del tremore sono localizzate nell’area del cratere di Sud-Est a una quota di circa 2900 metri sopra il livello del mare. L’attività infrasonica è bassa, tuttavia il forte vento di stamattina potrebbe aver inficiato il rilevamento degli eventi infrasonici. In seguito ad una analisi dei segnali di deformazione del suolo “non si evincono variazioni al di fuori del rumore nelle ultime ore alle stazioni delle reti clinometrica e Gnss“.