FAST e il segnale radio alieno: cosa hanno rilevato davvero gli scienziati cinesi

"Il segnale trovato è stato controllato con tutti i dettagli e abbiamo scoperto che in realtà non proveniva dal cielo", afferma l'astronomo Vishal Gajjar

MeteoWeb

Qualche giorno fa, la Cina ha comunicato che il più potente radiotelescopio terrestre potrebbe aver identificato tracce tecnologiche di una civiltà aliena in un segnale elettromagnetico dallo spazio. Il Five-hundred-meter Aperture Spherical Radio Telescope (FAST), nel sud-est della Cina, ha captato il segnale a banda stretta, tipico di una sorgente artificiale e non naturale, come un buco nero o le stelle. Ma era troppo bello per essere vero. 

Ciò che i ricercatori hanno effettivamente scoperto è stata un’interferenza radio di origine terrestre, probabilmente da telefoni cellulari, computer, satelliti o una serie di altri dispositivi elettronici situati vicino all’osservatorio. Tutti questi dispositivi producono proprie deboli trasmissioni radio. 

La capacità unica di FAST di scrutare in 19 diverse direzioni del cielo aiuta a eliminare i segnali provenienti da più di una direzione alla volta, ha detto l’astronomo Vishal Gajjar a Popular Mechanics in un’e-mail. Un segnale alieno proverrebbe da un unico punto nel cielo. In effetti, questa tecnica ha eliminato il 99% dei segnali in questo particolare sondaggio, afferma Gajjar, che è astronomo aggiunto per il SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) Institute presso l’Università della California, a Berkeley. L’1% dei segnali doveva essere studiato con maggiore attenzione. 

Come uno dei coautori di questo studio, posso affermare fermamente che è probabile che non siano di origine aliena. Il segnale trovato è stato controllato con tutti i dettagli e abbiamo scoperto che in realtà non proveniva dal cielo, ma è probabile che sia stato generato dalla nostra tecnologia basata sulla Terra”, afferma Gajjar. 

Nemmeno l’astrofisico Sascha Trippe della Seoul National University in Corea del Sud, che non è coinvolto in FAST, si aspettava che i possibili segnali di alieni fossero reali. Prima dell’analisi finale dei ricercatori, ha twittato la sua risposta scettica alla notizia della possibile scoperta del segnale alieno: “in realtà, la rilevazione di centinaia di “segnali candidati” nei sondaggi radio SETI è abbastanza comune. Finora, l’analisi sistematica uno per uno di quei segnali li ha sempre trovati spuri (RFI, artefatti strumentali ecc.)”. I ricercatori controllano in dettaglio ogni potenziale segnale, ha detto Trippe a Popular Mechanics in un’e-mail. “Ad esempio, controlli se il segnale proviene effettivamente dalla direzione di una e solo una stella specifica”. 

FAST è il radiotelescopio monodisco più grande e sensibile del mondo. Situato a Guizhou, in una regione montuosa della Cina, si trova in una depressione naturale a forma di ciotola. Tra le sue applicazioni nell’osservazione di pulsar, stelle e altri fenomeni spaziali naturali, FAST esegue anche la scansione di frequenze radio a banda stretta molto basse nella sua ricerca di segnali alieni nel vasto mare di onde elettromagnetiche provenienti sia dalla Terra che dallo spazio. 

Questo perché, tra le altre ragioni, una frequenza a banda stretta esclude le sorgenti di radiazioni astrofisiche naturali così come il “rumore” atmosferico della Terra, afferma Trippe. FAST prende di mira gli esopianeti, quei pianeti che si trovano al di fuori del nostro sistema solare. Nel settembre 2020 ha lanciato ufficialmente la sua ricerca di civiltà extraterrestri in collaborazione con il progetto Breakthrough Listen di SETI. Da allora, i ricercatori della Beijing Normal University, dell’Osservatorio astronomico nazionale dell’Accademia cinese delle scienze e dell’Università della California, a Berkeley, hanno lavorato insieme per cercare civiltà aliene. Quell’anno hanno scoperto due gruppi di segnali dallo spazio, ma hanno stabilito che non provenivano da alieni. 

Sebbene questa volta gli scienziati che usano il telescopio fossero fiduciosi, sapevano che il rilevamento di una vera presenza aliena era improbabile. “Anche la possibilità che il segnale sospetto sia una sorta di interferenza radio è molto alta e deve essere ulteriormente confermata o esclusa. Questo potrebbe essere un processo lungo“, aveva detto a Science & Technology Daily il 14 giugno Zhang Tongjie, scienziato capo del China Extraterrestrial Civilization Research Group. 

L’analisi si è rivelata, invece, un processo breve, visto che entro il 15 giugno gli astronomi avevano controllato a fondo ogni segnale e sapevano che erano di fronte ad un falso allarme, afferma Dan Werthimer, che ha aiutato a installare i rivelatori del SETI Institute su FAST. Werthimer dirige anche il radiotelescopio SETI della UC Berkeley, che ricerca i segnali alieni. “Questi segnali provengono da interferenze radio; sono dovuti all’inquinamento radio dei terrestri, non di ET“, ha detto a Popular Mechanics in una e-mail. “Tutti i segnali rilevati finora dai ricercatori SETI sono prodotti dalla nostra stessa civiltà, non da un’altra civiltà”, ha aggiunto. 

SETI è alla ricerca di segnali alieni dal 1984 ed è diventato uno sforzo mondiale. FAST potrebbe essere la prossima scelta naturale per i radioastronomi alla ricerca di segni di alieni, dopo il ritiro del telescopio dell’Osservatorio di Arecibo a Porto Rico. FAST ha tre principali vantaggi rispetto ad Arecibo nella ricerca di civiltà extraterrestri, ha detto a Science & Technology Daily l’astrofisico della Beijing Normal University Zhang Tongjie: la capacità di monitorare un settore più ampio del cielo e il doppio della sensibilità, oltre alla capacità di controllare i segnali da 19 diversi punti del cielo. Inoltre, gli operatori del telescopio possono modificare il posizionamento dei suoi 4.500 pannelli in alluminio secondo necessità tramite il controllo remoto del computer.