Gas, la Germania aumenta il livello di allerta: “situazione grave, attacco economico dalla Russia”

Il governo tedesco attiva la seconda "fase di allarme" di un piano di emergenza in tre fasi quando vede un alto rischio di carenza di forniture a lungo termine

MeteoWeb

Oggi, giovedì 23 giugno, la Germania ha attivato la “fase di allarme” del suo piano di emergenza del gas in risposta al calo delle forniture russe, ma non ha consentito alle utility di trasferire i crescenti costi energetici ai clienti della più grande economia europea.  

La misura è l’ultima escalation di una situazione di stallo tra Europa e Mosca dall’invasione russa dell’Ucraina, che ha messo in luce la dipendenza del Vecchio Continente dalle forniture di gas russe e ha innescato una frenetica ricerca di fonti energetiche alternative. La decisione, annunciata dal Ministro dell’Economia tedesco, segna un netto cambiamento soprattutto per la Germania, che ha coltivato forti legami energetici con Mosca che risalgono alla Guerra Fredda.  

Questa settimana, i minori flussi di gas hanno suscitato l’allarme che la Germania potrebbe cadere in recessione se le forniture russe si fermassero del tutto. “Non dobbiamo illuderci: il taglio delle forniture di gas è un attacco economico nei nostri confronti da parte di Putin“, ha dichiarato il Ministro dell’Economia Robert Habeck, aggiungendo che i tedeschi dovrebbero ridurre i consumi. “Al momento l’approvvigionamento del gas è garantito“, ha assicurato il Ministero.  

La situazione è grave, arriverà l’inverno. La riduzione delle forniture di gas è un attacco economico contro di noi da parte di Putin. Ci difenderemo ma il nostro Paese imbocca una via difficile. Anche se non ce ne accorgiamo ancora: siamo in una crisi del gas”, ha aggiunto Habeck. 

La Russia ha negato che le riduzioni della fornitura di gas fossero premeditate, con il fornitore statale Gazprom che ha attribuito le riduzioni ad un ritardo nella restituzione di apparecchiature sottoposte a manutenzione causato dalle sanzioni occidentali. 

Nell’ambito del suo piano di Fase 2, Berlino fornirà una linea di credito di 15 miliardi di euro per riempire gli impianti di stoccaggio del gas. Inoltre, quest’estate verrà lanciato un modello di asta del gas per incoraggiare i consumatori di gas industriale a risparmiare. 

Il governo attiva la seconda “fase di allarme” di un piano di emergenza in tre fasi quando vede un alto rischio di carenza di forniture a lungo termine. Teoricamente consente alle utility di trasferire prezzi elevati all’industria e alle famiglie e quindi contribuire a ridurre la domanda.  

Di fronte alla diminuzione dei flussi di gas dal principale fornitore russo, dalla fine di marzo la Germania è entrata nella Fase 1 del suo piano di emergenza, che include un monitoraggio più rigoroso dei flussi giornalieri e un focus sul riempimento degli impianti di stoccaggio del gas. Il passaggio alla fase successiva è stato oggetto di speculazioni da quando Gazprom ha ridotto i flussi attraverso il gasdotto Nord Stream 1 attraverso il Mar Baltico a solo il 40% della capacità la scorsa settimana. Nella seconda fase, il mercato è ancora in grado di funzionare senza la necessità di un intervento statale che scatterebbe nella fase finale di emergenza.  

Rischio di completa interruzione

Il gasdotto Nord Stream 1 sarà sottoposto a manutenzione dall’11 al 21 luglio quando i flussi si interromperanno. La Russia potrebbe tagliare completamente il gas all’Europa per rafforzare la sua influenza politica, ha affermato ieri il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia (AIE), aggiungendo che l’Europa deve prepararsi ora. 

I flussi di gas russo verso l’Europa attraverso il Nord Stream 1 e attraverso l’Ucraina sono rimasti stabili oggi, mentre i flussi inversi sul gasdotto Yamal sono aumentati, hanno mostrato i dati dell’operatore. 

Diversi Paesi europei hanno delineato misure per resistere a una compressione dell’offerta e scongiurare la carenza di energia in inverno e un picco di inflazione che potrebbero mettere alla prova la determinazione del continente a mantenere le sanzioni contro la Russia. 

I tagli all’offerta hanno anche spinto le aziende tedesche a contemplare dolorosi tagli alla produzione e a ricorrere a forme di energia inquinanti precedentemente considerate impensabili mentre si adeguano alla prospettiva di abbandonare il gas russo.