Isole Tiwi: dove lo sport incontra la cultura

Può sembrare insolito, quasi blasfemo in alcuni ambienti, che calcio e arte si fondano in un unico fine settimana di emozione e passione

MeteoWeb

Per un giorno all’anno Aussie Rules Football offre a tutti l’accesso alle Isole Tiwi, a nord di Darwin, in un’entusiastica celebrazione dello sport, dell’arte e della famiglia. L’isola è solo 2600 kmq, 50 km a est dalla città principale di Wurrumiyanga. Nel corso delgran finale annuale della Tiwi Islands Football League, la squadra di casa dei Walama Bulldogs ha affrontato gli Imalu Tigers, che hanno viaggiato da Pirlangimpi sulla più grande delle Tiwis, Melville Island.

Melville e Bathurst sono le più conosciute, ma ci sono altre nove isole disabitate nella catena delle Isole Tiwi, situate nel Mar di Timor. Una popolazione di 2700 abitanti è distribuita nell’area di 8320 kmq dell’arcipelago, con la maggior parte delle persone che vivono a Wurrumiyanga. Più del 90% della popolazione di Tiwi si identifica come aborigena, vivendo nelle altre tre principali comunità di Milikapti, Pirlangimpi e Wurrumiyanga, e nelle minuscole periferie Wurankuwu, Pickataramoor, Paru, Taracumbi, Yimpinari, Takamprimilli, Pitjimirra e Four Mile.

Di solito è richiesto un permesso per viaggiare alle Isole Tiwi, ma il gran giorno dell’ultimo giorno è un’eccezione. Una volta all’anno, di solito a marzo, le isole sono aperte alle persone per visitare e sperimentare la cultura, l’arte e la storia mentre autobus carichi di persone vengono trasportati tra l’aeroporto, i campi di calcio, il museo e i centri d’arte. È un giorno tanto atteso per tutti gli isolani di Tiwi che si recheranno a Wurrumiyanga da tutta la regione per riunirsi per lo spettacolo del gran finale e accogliere i viaggiatori dalla terraferma per assistere alla passione e all’eccitazione del calcio Tiwi.

Il weekend del gran finale non riguarda solo il calcio. È un’opportunità per mostrare la cultura delle Isole Tiwi al resto dell’Australia e del mondo. “Abbiamo persone che vengono sull’isola e sperimentano in prima persona il calcio al meglio, insieme alla nostra cultura, alle arti e alla comunità stessa“, spiega Brian Tipungwuti, guida culturale. “Diamo il benvenuto, a braccia aperte, al mondo per entrare e vivere con noi il calcio e la cultura. La nostra cultura è diversa da quella di tutti sulla terraferma. La nostra cultura è unica… e tutto ciò che vuoi vivere alle Isole Tiwi lo potrai vivere in questo giorno“. Sorride e aggiunge: “Non c’è nessuno qui che ti morda. Siamo tutti solo australiani“.

Isole Tiwi, Territorio del Nord. Credit: Tourism NT/Mark Fitz

Le isole sono famose per i loro artisti, che producono tutti pezzi nettamente diversi dagli stili della terraferma. Può sembrare insolito, quasi blasfemo in alcuni ambienti, che calcio e arte si fondano in un fine settimana di uguale significato. Ma alle Isole Tiwi, entrambi svolgono un ruolo importante nella cultura. L’arte è legata agli antenati, alle storie e alle cerimonie della Creazione. È una forma di interazione sociale, espressione di sé e tradizione culturale.

Il calcio è come una religione per il popolo Tiwi“, dice Brian. “È iniziato con la Missione Cattolica. I cattolici hanno portato un tizio di nome fratello John Pye da Victoria: era uno dei fratelli cattolici che ha iniziato a giocare a calcio. Ha visto molto talento nei calciatori di Tiwi, nelle persone delle Isole Tiwi, quindi li ha mandati tutti a Darwin al St Mary’s Football Club. È iniziato lì ed è diventato sempre più grande”.

Oltre a importanti documenti su Tiwi Dreamtime, la Missione Cattolica e la storia, il Museo Patakijiyali è noto per avere un’intera mostra dedicata al patrimonio sportivo delle isole, con un’enfasi particolare sull’Australian Rules Football. La Tiwi Football League è la seconda più grande del territorio, dietro la Northern Territory Football League. Ci sono otto club, che sono vagamente basati su gruppi di terra. “Tutte le squadre qui sulle isole, rappresentano tutte il loro Paese. Abbiamo otto gruppi di proprietari terrieri. La mia squadra è Ranku Eagles, è lì che appartengo. Questo è il mio Paese”, spiega Brian.

Non è solo una questione calcistica, è la tradizionale casa della nostra squadra, della nostra gente. Gli Imalu Tigers vengono da Garden Point (Pirlangimpi) sull’isola di Melville, ed è così che si chiama il Paese: Imalu“. Aggiunge ridendo: “Ma ovviamente non abbiamo tigri. Questo è ciò che lo rende unico, non giochiamo solo per la nostra squadra, giochiamo anche per il nostro Paese. Giochiamo per i nostri antenati“.

Dopo l’inizio del match è bastato un minuto e mezzo per il primo gol segnato dal giocatore dei Bulldogs che indossa il guernsey numero due e manda il pubblico in un ruggito di giubilo. I minuti si trasformano in ore e le montagne russe di emozioni dal mare di giallo e nero, e blu, rosso e bianco, sono rispecchiate dai temporali che si ripetono.

Alla fine vincono i Bulldogs: una folla di tifosi corre in campo. È una vera dimostrazione di comunità, famiglia e parentela. I bambini corrono tra le braccia dei loro padri. Un gruppo di donne in mezzo si mette a ballare, sventolando animatamente le bandiere per festeggiare.

L’Australian Rules Football non è solo un gioco. Fa parte del tessuto della cultura. E alla fine, nonostante le rivalità e la competizione, il calcio riguarda tanto la comunità quanto i numeri su un tabellone segnapunti. Alle Isole Tiwi, il calcio è davvero più di un gioco.