Il mistero dei dati “confusi” di Voyager 1

Il veicolo spaziale funziona correttamente, ma è confuso sulla sua posizione

MeteoWeb

Il team Voyager 1 della NASA sta cercando di capire perché il veicolo spaziale sembra essere confuso sulla sua posizione nello Spazio, ma la distanza che lo separa dalla Terra rende difficile risolvere il problema.
La missione Voyager 1 è stata lanciata nel 1977 con durata prevista di 5 anni. Quasi 45 anni e una serie di sorvoli planetari dopo, il veicolo spaziale è ora a circa 23,3 miliardi di km dalla Terra, nello Spazio interstellare. Voyager 1 ha effettuato innumerevoli scoperte, ma ha anche subito una serie di anomalie ed è stato protagonista di vari misteri: l’ultimo di questi sono dati di telemetria errati inviati sulla Terra.

Abbiamo un problema con la navicella spaziale Voyager 1,” ha dichiarato Thomas Zurbuchen, amministratore associato della NASA dello Science Mission Directorate, in una riunione del National Academies of Sciences, Engineering and Medicine’s Space Studies Board, dove ha condiviso maggiori dettagli sulla situazione e su cosa potrebbe significare per la missione. Mentre il veicolo spaziale funziona bene, i messaggi dell’Attitude Articulation and Control System, che mantiene il veicolo spaziale e la sua antenna nell’orientamento corretto, “non riflettono ciò che sta effettivamente accadendo a bordo,” ha detto Zurbuchen.

Risalire all’origine di questa confusione non è facile, tuttavia, a causa della grande distanza tra la Terra e la Voyager 1, il che significa lunghi ritardi nel tempo necessario per comunicare, rendendo la navicella una vittima della sua longevità. “Immaginate di avere una conversazione con qualcuno in cui puoi dire solo una parola ogni giorno, e ci si risponde solo a giorni alterni. Questo è il tipo di conversazione che abbiamo,” ha dichiarato Zurbuchen.

Zurbuchen è fiducioso che il team Voyager risolverà il mistero, ma ha evidenziato che la missione della navicella spaziale non potrà continuare per sempre. Oltre all’attuale problema di comunicazione, Voyager 1 funziona anche a temperature molto più basse di quelle per cui era stato progettato a causa del decadimento della fonte di energia nucleare del veicolo spaziale.

Non sto dicendo che è la fine della missione“, ha sottolineato, precisando che il team della missione ha affrontato molti problemi durante la lunga vita di Voyager. “Credetemi, ci sono stati problemi, anche da quando sono alla NASA, che erano preoccupanti, ma il team li ha risolti,” ha detto. “Se un giorno non potranno più essere risolti, sarà comunque un successo immediato e dovremo prendere lo champagne“.