Anche Nike abbandona la Russia, seguita a ruota da altri grandi marchi

Nike, seguita a ruota da altri grandi marchi come Adidas, ha deciso di lasciare definitivamente la Russia

MeteoWeb

Anche Nike ha deciso di lasciare completamente la Russia, tre mesi dopo aver sospeso tutte le sue operazioni. Lo ha dichiarato giovedì a Reuters il produttore di abbigliamento sportivo statunitense, mentre il numero delle aziende occidentali che lascia il paese accelera sempre di più. Nike ha dichiarato che il 3 marzo sospenderà temporaneamente le operazioni in tutti i suoi negozi di proprietà e gestiti in Russia in risposta alle azioni di Mosca in Ucraina, aggiungendo che quelli ancora aperti erano gestiti da partner indipendenti.

Giovedì si è unito ad altri grandi marchi occidentali, come McDonald’s e Renault, nel confermare che lascerà completamente il Paese. “Nike ha preso la decisione di lasciare il mercato russo. La nostra priorità è assicurarci di supportare pienamente i nostri dipendenti mentre riduciamo in modo responsabile le nostre operazioni nei prossimi mesi“, ha affermato Nike in una dichiarazione inviata via email. Le società straniere che cercano di uscire dalla Russia a causa della guerra in Ucraina affrontano la prospettiva dell’approvazione di nuove leggi nelle prossime settimane che consentiranno a Mosca di sequestrare beni e imporre sanzioni penali. Ciò ha incoraggiato alcune aziende ad accelerare la loro partenza.

Quello che era un rivolo sta diventando un torrente (di aziende occidentali che escono dalla Russia)”, ha affermato Paul Musgrave, professore di scienze politiche all’Università del Massachusetts. E anche altri produttori di abbigliamento sportivo si sono ritirati. La rivale Adidas ha dichiarato a marzo che stava chiudendo i suoi negozi russi e sospendendo le vendite online. Anche Puma ha sospeso le sue operazioni a marzo. Reebok ha sospeso le vendite a marzo ed è in trattative per vendere più di 100 negozi al rivenditore di scarpe turco FLO Magazacilik.

L’Adidas al momento non ha intenzione di riprendere l’attività in Russia, ha detto giovedì a Reuters la società tedesca di abbigliamento sportivo. “Le operazioni dei negozi Adidas e della vendita al dettaglio online di Adidas in Russia continuano a essere sospese fino a nuovo avviso, questo vale anche per la consegna di merci in Russia“, si legge in una dichiarazione inviata via e-mail. Musgrave ha affermato che le aziende che lasciano la Russia potrebbero avere difficoltà a tornare. “Ciò presenta opportunità per le aziende nazionali in alcuni mercati, ma ancor di più per i marchi cinesi e altrove di farsi strada“, ha affermato.

Per Nike, che ottiene meno dell’1% delle sue entrate da Ucraina e Russia messe insieme, la mossa è in gran parte simbolica piuttosto che materiale per i suoi risultati. L’azienda ha una storia di presa di posizione su questioni sociali e politiche. Ha sostenuto il quarterback del football americano Colin Kaepernick nella sua decisione di inginocchiarsi durante l’inno nazionale degli Stati Uniti come protesta contro il razzismo e l’anno scorso ha abbandonato la star del calcio brasiliano Neymar perché si era rifiutato di collaborare a un’indagine sulle accuse di aggressione sessuale.

I media russi hanno riferito a maggio che Nike non aveva rinnovato gli accordi con il suo più grande franchisee in Russia, Inventive Retail Group (IRG), che gestisce 37 negozi a marchio Nike in Russia attraverso la sua controllata Up And Run.