Piogge monsoniche in Bangladesh e India: aumentano le vittime, milioni di persone bloccate nelle case | FOTO

Le incessanti piogge della scorsa settimana hanno inondato vaste distese del nord-est del Bangladesh: interi villaggi sono stati allagati

/
MeteoWeb

Milioni di persone sono bloccate nelle loro case in India e Bangladesh a causa delle inondazioni provocate dalle piogge monsoniche che hanno investito i due Paesi, mentre sale a 59 il bilancio delle vittime.  

Le incessanti piogge della scorsa settimana hanno inondato vaste distese del nord-est del Bangladesh, con truppe schierate per evacuare le famiglie tagliate fuori dalle comunità vicine. Le scuole sono state trasformate in rifugi di soccorso per ospitare gli abitanti di interi villaggi inondati nel giro di poche ore dai fiumi che hanno sfondato gli argini. “L’intero villaggio è andato sott’acqua all’inizio di ieri e siamo rimasti tutti bloccati“, racconta Lokman, 23 anni, la cui famiglia vive nel villaggio di Companiganj. “Dopo aver aspettato un giorno intero sul tetto della nostra casa, un vicino ci ha salvato con una barca improvvisata. Mia madre ha detto di non aver mai visto inondazioni del genere in tutta la sua vita”, ha aggiunto la giovane.  

Da ieri pomeriggio, almeno 21 persone sono morte dopo essere state colpite dai fulmini innescati dalle tempeste in tutto il Bangladesh: tra loro anche tre bambini di età compresa tra i 12 e i 14 anni nel villaggio di Nandail. 

Le inondazioni sono una minaccia regolare per milioni di persone nel sud del Bangladesh, ma gli esperti affermano che i cambiamenti climatici ne stanno aumentando la frequenza, la violenza e l’imprevedibilità.