Qatar all’Europa: “volete più gas? Firmate contratti a lungo termine”

La richiesta del Qatar minaccia la capacità dell'Europa di diversificare le forniture di gas dalla Russia

MeteoWeb

Il Qatar insiste per vincolare l’Unione Europea a contratti di due decenni per l’acquisto di gas naturale liquefatto (GNL), una mossa che complicherà l’obiettivo del blocco di ridurre le emissioni riducendo al contempo la sua dipendenza dal carburante russo. 

Lo stato del Golfo Persico, uno dei principali esportatori di GNL al mondo, chiederà alle nazioni dell’UE di firmare contratti a lungo termine, secondo persone che hanno familiarità con la situazione e rimaste anonime, citate da Bloomberg. I Paesi dell’UE affermano di aver bisogno di una durata più breve per raggiungere gli obiettivi di riduzione dell’inquinamento della regione, hanno affermato le fonti. 

Un recente accordo tedesco per un accordo ventennale di fornitura di GNL negli Stati Uniti ha spinto il Qatar ad avanzare le sue richieste. Tuttavia, gli europei sostengono che le offerte del Qatar sono troppo rigide, fornendo agli acquirenti poca capacità di deviare l’offerta, a differenza dei contratti statunitensi. I negoziati sulla durata delle importazioni sono in stallo da marzo. 

Le nazioni europee, guidate dalla Germania, hanno respinto le pressioni del Qatar per i timori che la natura rigorosa di quei contratti significherà che dovranno continuare a importare combustibili fossili anche dopo che la regione mira a ridurre le emissioni. Se il Qatar non cede, minaccia la capacità dell’Europa di diversificare le forniture di gas dalla Russia poiché la nazione mediorientale potrebbe passare a firmare più patti in altre regioni come l’Asia. 

L’Europa sta correndo per trovare alternative al gas russo, il più grande fornitore del continente, dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca. Le importazioni di GNL dal Qatar, che sta investendo decine di miliardi di dollari per aumentare la produzione nei prossimi cinque anni, potrebbero essere una parte fondamentale di tale soluzione. 

Oltre al Qatar e agli Stati Uniti, ci sono pochi altri esportatori di GNL che aumenteranno in modo significativo l’offerta nel prossimo decennio, soprattutto perché la guerra in Ucraina rischia di ostacolare i piani di espansione della Russia. Ma allo stesso tempo, la domanda europea di GNL dovrebbe aumentare fino al 2030, mentre il Qatar ha bisogno di bloccare i clienti per sostenere un enorme piano di espansione del GNL. 

L’accordo che la Germania ha firmato con gli Stati Uniti all’inizio di questa settimana, sebbene lungo 20 anni, ha termini molto flessibili e consente di deviare o addirittura annullare le forniture a un costo inferiore. Questi termini potrebbero rivelarsi utili se la futura domanda di gas tedesca dovesse diminuire durante la transizione energetica. Al contrario, il Qatar di solito non consente agli acquirenti di inviare le forniture in porti diversi o dii annullare una fornitura senza pagare l’intero valore del carico. 

Il gas è un combustibile fossile più pulito del carbone o del petrolio, ma l’industria è ancora responsabile di emissioni significative di carbonio e metano.