Le raffinerie indiane cercano di aumentare le esportazioni di diesel utilizzando greggio russo a basso costo

Le raffinerie indiane stanno guadagnando enormi profitti sia dallo sconto sul petrolio russo sia dai margini altissimi sul diesel in Europa creati dalle sanzioni sulle forniture russe
MeteoWeb

Le raffinerie indiane, tra cui la Reliance Industries di Mukesh Ambani, stanno utilizzando greggio russo a basso costo per cercare di aumentare le esportazioni di diesel, anche verso destinazioni come l’UE con sanzioni sul petrolio russo. 

La Russia a maggio ha sostituito l’Arabia Saudita come secondo fornitore di petrolio dell’India dopo l’Iraq. Le esportazioni di greggio russo in India dovrebbero aumentare a oltre 1 milione di barili al giorno a giugno, secondo i dati sulle materie prime e la società di analisi Kpler. Questo significa che le raffinerie indiane potrebbero sostituire efficacemente parte del diesel europeo prima acquistato direttamente dalla Russia o dalla raffinazione del greggio russo. Stanno guadagnando enormi profitti sia dallo sconto sul petrolio russo sia dai margini altissimi sul diesel in Europa creati dalle sanzioni sulle forniture russe. 

Se i governi occidentali vedono che un terzo dei prodotti grezzi lavorati dell’India è russo, possono presumere che parte del diesel in arrivo in Europa contenga molecole russe”, ha affermato Neil Crosby, analista della società di dati OilX. Crosby ha affermato che ciò potrebbe complicare quello che altrimenti sarebbe un momento molto redditizio per le raffinerie indiane, mentre Washington esercita pressioni su Nuova Delhi per limitare gli acquisti di petrolio russo. 

I dirigenti indiani sostengono che stanno rispondendo alla forte domanda internazionale di diesel e altri prodotti durante una crisi energetica. Ajay Sahai, amministratore delegato della Federation of Indian Export Organisations, ha affermato che “ci sono state molte richieste che sono arrivate in India, in particolare per l’importazione di diesel dall’India. Queste provenivano da Paesi europei”. 

Nayara Energy, in parte di proprietà della russa Rosneft, e Reliance Industries di Ambani stanno importando i maggiori volumi. Reliance è responsabile del “95% in più” delle esportazioni di prodotti petroliferi raffinati dall’India in Europa, ha affermato Janiv Shah, analista di Rystad Energy. Con la carenza di diesel in Europa “destinata a durare“, Reliance è “attualmente una in una lista” di potenziali raffinerie che potrebbero colmare il vuoto lasciato dalla Russia, ha affermato Shah. 

Le esportazioni di diesel dell’India in Europa hanno raggiunto i 230.000 barili al giorno a marzo, un massimo pluriennale, ma sono scese a 120.000 ad aprile e sono crollate a 40.000 a maggio, secondo Rystad. Nello stesso periodo le esportazioni in Africa e altrove sono aumentate. 

Condividi