Razzo si schianta sulla Luna: scoperto il luogo d’impatto e qualcosa di “inaspettato” | FOTO

I ricercatori della missione Lunar Reconnaissance Orbiter hanno individuato il luogo d'impatto del razzo che si è schiantato sulla Luna lo scorso 4 marzo

MeteoWeb

E’ stato individuato il punto d’impatto di un razzo che si è schiantato sulla Luna più di 3 mesi fa.
All’inizio di quest’anno, gli astronomi hanno confermato che un oggetto stava per schiantarsi sulla superficie lunare: i loro calcoli suggerivano che l’impatto sarebbe avvenuto il 4 marzo all’interno del cratere Hertzsprung, largo 570 km sul lato opposto del satellite, non visibile dalla Terra.

I ricercatori della missione Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA hanno annunciato nelle scorse ore che la navicella spaziale ha individuato un nuovo cratere nell’area di Hertzsprung, quasi certamente il luogo di impatto del razzo. In realtà, le immagini LRO mostrano che l’impatto ha creato 2 crateri, uno orientale largo circa 18 metri, sovrapposto a uno occidentale largo circa 16 metri.

animazione booster
Credit: NASA/GSFC/Arizona State University

Il doppio cratere è stato inaspettato e potrebbe indicare che il corpo del razzo aveva grandi masse a ciascuna estremità,” ha spiegato Mark Robinson dell’Arizona State University, principal investigator del Lunar Reconnaissance Orbiter Camera (LROC). “In genere un razzo esaurito ha una massa concentrata all’estremità del motore; il resto dello stadio del razzo consiste principalmente in un serbatoio di carburante vuoto,” ha aggiunto. “Poiché l’origine del corpo del razzo rimane incerta, la doppia natura del cratere può aiutare a indicarne l’identità“.

Come ha evidenziato Robinson, l’identità razzo che si è schiantato sulla Luna rimane un mistero. Le prime ipotesi sostenevano che poteva trattarsi probabilmente dello stadio superiore del razzo SpaceX Falcon 9, che ha lanciato la missione Deep Space Climate Observatory (DSCOVR) per la NASA e la National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti nel febbraio 2015. Ulteriori osservazioni e calcoli hanno però portato molti scienziati a concludere che il corpo del razzo faceva probabilmente parte del booster Long March 3 che ha lanciato la missione cinese Chang’e 5T1 intorno alla Luna nell’ottobre 2014 (la Cina ha negato questa ipotesi).

Corpi di razzi si sono già schiantati sulla superficie lunare in precedenza: per esempio, la NASA ha guidato più volte il terzo stadio dei razzi Saturn V sulla Luna durante il programma Apollo. Quelli, però, erano impatti intenzionali: il 4 marzo un corpo di razzo si è schiantato per la prima volta accidentalmente sulla superficie lunare (escludendo schianti involontari connessi a tentativi di atterraggio falliti).

Nessuno degli impatti di Saturn V ha creato doppi crateri come quello generato dall’incidente del 4 marzo, ha affermato Robinson, e i crateri di Saturn V sono tutti larghi più di 35 metri, mentre il nuovo doppio cratere è largo 29 metri nel suo punto più largo.