Eccezionale scoperta di antichi manufatti in Cina: nuova luce sul misterioso regno antico | FOTO

Un team composto da accademici dell'Università di Pechino e dell'Università di Sichuan ha trovato migliaia di oggetti tra cui intricati oggetti in bronzo, oro e giada e quella che ha chiamato la scoperta senza precedenti di 10 bronzi

/
MeteoWeb

Una equipe di archeologi ha annunciato lunedì il rinvenimento di una serie “significativa” di reperti presso le rovine di Sanxingdui nella provincia sudoccidentale del Sichuan, in Cina. Un altare di bronzo e un drago con il naso di maiale sono tra una miniera di oggetti scoperti nelle fosse sacrificali che gettano nuova luce sui segreti sepolti di un’antica civiltà cinese .

Un team composto da accademici dell’Università di Pechino e dell’Università di Sichuan ha trovato migliaia di oggetti tra cui intricati oggetti in bronzo, oro e giada e quella che ha chiamato la scoperta senza precedenti di 10 bronzi. Gli esperti affermano che i reperti risalgono a 3.000-4.500 anni. Scoperta alla fine degli anni ’20, Sanxingdui è uno dei principali siti archeologici cinesi. Gli esperti pensano che i suoi tesori un tempo appartenessero all’antico regno Shu, che risale a 4.800 anni fa e durò 2.000 anni. I nuovi reperti provengono principalmente da quelle che gli archeologi chiamano fosse sacrificali 7 e 8, il clou è una scatola di bronzo con un coperchio a forma di tartaruga contenente manufatti di giada, comprese teste di drago. Tracce di tessuto di seta sono state trovate attorno alla scatola.

Non sarebbe un’esagerazione dire che la nave è unica nel suo genere, data la sua forma distintiva, la raffinata lavorazione artigianale e il design ingegnoso. Anche se non sappiamo a cosa servisse questa nave, possiamo presumere che gli antichi ne facessero tesoro“, ha affermato Li Haichao, professore all’Università di Sichuan che è responsabile dello scavo alla fossa 7, secondo Xinhua.

Il ruolo dei box e il loro utilizzo è oggetto di dibattito. Un accademico, Chen Shen, ha affermato in un libro del 2002: “Alcuni credono che le fosse siano una specie di sepoltura, ma senza scheletri umani; il corpo potrebbe essere stato ridotto in cenere a seguito di una cerimonia rituale di incenerimento”. Frammenti di avorio bruciati sono stati trovati in una fossa e la presenza di cenere, forse i resti di alberi e piante usati come combustibile, ha portato gli archeologi a ipotizzare che le scatole fossero poste nelle fosse per essere bruciate. Nella fossa 8, gli archeologi hanno trovato opere in bronzo ancora più elaborate, comprese teste con maschere d’oro, un altare e un drago con il naso di maiale.

Una curiosa scultura in tre parti raffigura un serpente con testa umana con occhi, zanne e corna sporgenti. La parte superiore della testa ricorda un antico vaso da vino a forma di tromba. Ran Honglin, del Sichuan Provincial Cultural Relics and Archaeology Research Institute, ha affermato che alcuni elementi della scultura erano tipici del regno Shu, mentre altri sono stati visti in oggetti della dinastia Zhou.

“Questi tre fattori sono ora fusi in un unico artefatto, il che dimostra che Sanxingdui è una parte importante della civiltà cinese”, ha detto a Xinhua. Altre reliquie culturali portate alla luce a Sanxingdui sono state viste anche in altre località della Cina, a testimonianza del primo scambio e integrazione della civiltà cinese“, ha aggiunto Honglin.

Le sculture sono molto complesse e fantasiose, riflettono il mondo fatato immaginato dalle persone in quel momento, e dimostrano la diversità e la ricchezza della civiltà cinese“, ha detto Zhao Hao, professore associato all’Università di Pechino che ha guidato lo scavo della fossa 8 Xinhua.

L’istituto ha affermato che circa 13.000 oggetti sono già stati trovati a Sanxingdui dall’inizio degli scavi negli anni ’80. Il sito di 12 miglia quadrate fu scoperto accidentalmente alla fine degli anni ’20 da un contadino nella provincia di Sichuan che stava riparando un canale di scolo. È considerato uno dei più importanti reperti archeologici cinesi e una delle più grandi scoperte al mondo del 20° secolo.

I reperti dipingono un quadro vivido della vita nell’antica Cina. Piccole fosse sacrificali e resti sacrificati di bovini e cinghiali sono stati trovati insieme a canne, bambù e semi di soia. La maggior parte degli storici e degli archeologi in precedenza pensava che il luogo di nascita della civiltà cinese fosse il bacino del fiume Giallo, nel nord della Cina. Ma la scoperta di Sanxingdui, e il suo scavo negli anni ’80, hanno messo in dubbio queste ipotesi .

I nuovi reperti dovrebbero essere esposti in una mostra al Museo Sanxingdui, vicino alla città di Guanghan, nel 2023. Il mistero ha circondato il destino delle società che hanno creato i manufatti trovati a Sanxingdui. Le prove mostrano che a un certo punto hanno lasciato l’area e si sono trasferiti nell’antica città di Jinsha, vicino alla moderna città di Chengdu. Alcuni studiosi ritengono che l’emigrazione sia stata causata da un terremoto 3000 anni fa.