Sicurezza aerea, tecnologia EGNOS per l’Africa: l’ESA firma un accordo con l’ASECNA

L'ESA fornirà supporto tecnico all'ASECNA sulla base della tecnologia europea EGNOS e utilizzando i satelliti Galileo

MeteoWeb

La tecnologia europea che consente ai segnali di navigazione satellitare di guidare in sicurezza gli aerei verso il basso per l’atterraggio nella maggior parte degli aeroporti europei sarà ora utilizzata in tutta l’Africa e nell’Oceano Indiano. L’ASECNA, l’Agenzia per la sicurezza della navigazione aerea in Africa e Madagascar, e l’ESA hanno firmato oggi un accordo per implementare un sistema di potenziamento basato su satellite (SBAS) in una regione di servizio di oltre 16,5 milioni di chilometri quadrati, una volta e mezzo la dimensione dell’area di copertura europea. 

L’ESA fornirà supporto tecnico all’ASECNA sulla base della tecnologia europea EGNOS e utilizzando i satelliti Galileo. Le capacità operative iniziali del sistema dovrebbero entrare in servizio a partire dal 2025. L’accordo di cooperazione internazionale è stato firmato oggi negli uffici dell’ESA a Parigi da Mohamed Moussa, Direttore Generale dell’ASECNA, e Josef Aschbacher, Direttore Generale dell’ESA. 

Aschbacher commenta: “accolgo con favore questa nuova entusiasmante partnership con l’Africa. La cooperazione internazionale è sempre stata una priorità dell’ESA; la tecnologia spaziale ha il potenziale per migliorare la vita di tutti e, lavorando insieme, riusciamo a farlo accadere. La tecnologia EGNOS, progettata, sviluppata e dimostrata in Europa, avrà i suoi evidenti vantaggi in termini di sicurezza, ambiente ed economici estesi agli aeroporti, alle compagnie aeree e ai passeggeri africani”. 

Moussa osserva: “l’implementazione dell’infrastruttura di potenziamento satellitare rappresenterà un enorme passo avanti verso l’unificazione dello spazio aereo africano. Gli utenti dello spazio aereo beneficeranno in tutto il continente dei servizi di navigazione più avanzati e miglioreranno significativamente la sicurezza e l’efficienza delle loro operazioni e ridurranno il loro impatto ambientale. Questo servizio sufficientemente accurato e affidabile per guidare gli aeromobili per operazioni di volo critiche sarà prezioso anche in molti altri settori importanti, come il trasporto terrestre e marittimo, l’agricoltura di precisione, la navigazione con droni, la mappatura e il rilevamento“. 

Il Presidente del consiglio di amministrazione dell’ASECNA, Jean Lamy, ha aggiunto: “questo programma fa parte del partenariato strategico Africa-UE sulla navigazione satellitare. Fornisce una soluzione per l’attuazione della componente di navigazione e posizionamento della politica spaziale dell’Unione africana”. 

Il Direttore della Navigazione dell’ESA, Javier Benedicto, aggiunge: “insieme a Galileo, EGNOS è l’altro sistema di navigazione satellitare europeo, oggi utilizzato di routine in circa 367 aeroporti ed eliporti europei. Grazie all’uso di EGNOS, i segnali di navigazione satellitare diventano sufficientemente accurati e affidabili per tutti i tipi di usi della “sicurezza della vita”. L’ESA, in quanto progettista originale del sistema EGNOS, è in una buona posizione per fornire consulenza sulla progettazione e realizzazione di un nuovo sistema di potenziamento con il nostro partner ASECNA”. 

Didier Flament, che supervisiona EGNOS per l’ESA, aggiunge: “questo nuovo sistema fornirà il posizionamento con una precisione a livello di metro e con un alto livello di integrità con una progressiva copertura del continente”. 

Louis Bakienon, Direttore del Programma ASECNA SBAS, aggiunge: “i servizi SBAS miglioreranno le operazioni di navigazione per tutte le fasi di volo, dalla rotta fino agli avvicinamenti di precisione, e anche le operazioni di sorveglianza, fornendo una fonte di posizione per la sorveglianza del terminal e di superficie”. 

Julien Lapie, Manager del programma ASECNA SBAS aggiunge: “il programma ASECNA SBAS mira principalmente a fornire, attraverso un’infrastruttura autosufficiente, agli utenti dello spazio aereo servizi di navigazione avanzati per migliorare significativamente la sicurezza e l’efficienza del volo, ridurre il loro impatto ambientale e migliorare l’accessibilità dell’aeroporto. Questo programma è un fattore chiave per l’attuazione della politica spaziale e della strategia dell’Unione africana ed è riconosciuto dall’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale“. 

ASECNA fornisce servizi di navigazione aerea all’interno di uno spazio aereo di 16,5 milioni di chilometri quadrati, suddiviso in sei regioni di informazioni sui voli che coprono i suoi Stati membri Benin, Burkina Faso, Camerun, Repubblica Centrafricana, Comore, Congo, Costa d’Avorio, Francia, Gabon, Guinea Bissau, Guinea Equatoriale, Madagascar, Mali, Mauritania, Niger, Senegal, Ciad e Togo. 

EGNOS, il servizio europeo di copertura per la navigazione geostazionaria, affina la precisione dei segnali GPS sul territorio europeo fino a una precisione metrica, fornendo anche un livello di “integrità” – o affidabilità – in tempo reale dei segnali e della posizione finale corretta grazie a EGNOS. L’attuale sistema EGNOS si basa solo sui segnali GPS statunitensi, ma è in preparazione una versione aggiornata per l’implementazione entro la fine del decennio (entro il 2028) – EGNOS v3 – che utilizzerà anche i segnali Galileo, aumentando ulteriormente la sua precisione e robustezza. Inoltre, questa seconda generazione fornirà anche un maggiore livello di resilienza alle minacce alla sicurezza (in particolare alla sicurezza informatica). 

L’attuale EGNOS consente di guidare gli aeromobili in sicurezza con qualsiasi visibilità entro 60 metri di altezza dalla pista, mentre il nuovo EGNOS V3 mira a fornire una futura capacità di un servizio di atterraggio automatico (una prima dimostrazione di fattibilità di questa capacità è stata eseguita a novembre 2019 con un Airbus A350 all’aeroporto di Tolosa). 

Il sistema di potenziamento satellitare dell’ASECNA fornirà gli stessi livelli di servizi, basato su una vera e propria infrastruttura africana, composta da un segmento di terra (stazioni di riferimento, centri di controllo missione, stazioni di uplink) e un segmento spaziale. 

L’ASECNA ha firmato un accordo internazionale con l’Unione Europea nel 2018 sulla navigazione satellitare e beneficia di finanziamenti e accesso alla tecnologia EGNOS. L’ESA schiererà un team di una decina di esperti, fornendo supporto tecnico incentrato sull’infrastruttura di terra per l’SBAS, mentre l’agenzia spaziale francese CNES fornirà consulenza sull’ingegneria del dimostratore, sul segmento spaziale e sulle prestazioni.