Il tetto al prezzo del petrolio russo? “Non funzionerà”

"Sembra un'ottima idea, ma non aspettatevi che funzioni"

MeteoWeb

Il segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen è in prima linea nella richiesta di un tetto massimo ai prezzi delle esportazioni di petrolio russo. “Sembra un’ottima idea, ma non aspettatevi che funzioni,” è l’opinione dell’analista Julian Lee, che si è espresso sul tema in un approfondimento pubblicato su Bloomberg.

Ecco il problema,” prosegue Lee. “La Russia guadagna miliardi di dollari esportando petrolio. Quei dollari stanno aiutando a finanziare l’invasione dell’Ucraina del presidente Vladimir Putin. Nel frattempo, il mondo ha bisogno che il petrolio russo continui a fluire perché i mercati sono già tesi e nessuno ha capacità di riserva per compensare la perdita. I Paesi del Nord America, dell’Europa e di parti dell’Asia, però, vogliono interrompere il flusso di fondi alla macchina da guerra del Cremlino“.
Allora, qual è la soluzione? Le entrate sono un prodotto piuttosto semplice del volume per il prezzo (meno alcuni costi). Per tagliare le entrate del Cremlino, è necessario raggiungere il volume o il prezzo. Non vogliamo ridurre il volume, quindi rimane il prezzo. Se si limita il prezzo a cui la Russia può vendere il suo petrolio, si riducono le entrate del Cremlino senza colpire il volume del petrolio sul mercato internazionale“.

Pulito, semplice, mi chiedo perché nessuno l’abbia fatto prima. Perché gli Stati Uniti non lo hanno fatto questo con l’Iran o il Venezuela, invece di imporre sanzioni secondarie che hanno interrotto i flussi di petrolio e danneggiato le relazioni con i partner commerciali in Asia? Forse il motivo principale è: ha pochissime possibilità di funzionare davvero,” sottolinea Lee. “Secondo il piano, l’assicurazione sarebbe trattenuta dai carichi per i quali l’acquirente paga alla Russia più che un prezzo ancora da stabilire. Poiché circa il 95% della flotta mondiale di navi cisterna è assicurato tramite l’International Group of Protection & Indemnity Clubs di Londra e alcune società con sede nell’Europa continentale, un divieto è certamente fattibile. Ma non sono convinto che sia abbastanza“.

L’Unione Europea ha appena concluso diverse settimane di brutali dispute interne sulle sanzioni petrolifere alla Russia. Quelle sanzioni, anche annacquate rispetto alle proposte originarie, includevano il divieto di assicurazione. Mosca ha già iniziato a mettere in atto un’alternativa ai club P&I, offrendo assicurazioni attraverso la Russian National Reinsurance Company. Ciò potrebbe essere abbastanza positivo per alcune delle società indiane e cinesi che ora forniscono la maggior parte del mercato del greggio russo“.

Il più grande ostacolo al limite dei prezzi del petrolio russo, secondo Lee, “è Putin che dice semplicemente “No”. Come costringere la Russia a vendere il proprio petrolio con uno sconto imposto dall’esterno? Si potrebbe impostare il limite a un livello che garantisca un piccolo ritorno positivo per le compagnie petrolifere russe nella speranza che decidano che vale ancora la pena pompare, ma non sono loro a prendere la decisione. Il loro petrolio viene trasportato sul mercato (direttamente o ai terminali di esportazione sulla costa russa) da una rete di oleodotti di proprietà dello stato russo. Putin deve semplicemente chiudere le valvole e le aziende non possono esportare, anche se lo desiderano“.

Il presidente russo ha già dimostrato che l’economia del Paese è di secondaria importanza rispetto alle sue ambizioni imperialiste, mentre le sue truppe devastano l’Ucraina orientale. Il suo calcolo sarà quasi certamente quello per cui tagliare le esportazioni di petrolio dalla Russia arrecherà più danni alle economie degli acquirenti in Europa di quanto non farà alla Russia. Quindi è inutile aspettarsi che acconsenta a un tetto massimo imposto dall’Occidente,” ha concluso Lee.