Trovato il relitto più profondo del mondo: il Sammy B. giace a quasi 7km sotto il Pacifico | FOTO

L’incrociatore americano Sammy B. colò a picco vicino alle Filippine nel 1944 durante una battaglia contro la flotta giapponese

  • Credit: Caladan Oceanic
    Credit: Caladan Oceanic
  • Credit: Caladan Oceanic
    Credit: Caladan Oceanic
  • Credit: Caladan Oceanic
    Credit: Caladan Oceanic
  • Credit: Caladan Oceanic
    Credit: Caladan Oceanic
  • Credit: Caladan Oceanic
    Credit: Caladan Oceanic
  • Credit: Caladan Oceanic
    Credit: Caladan Oceanic
  • Credit: Caladan Oceanic
    Credit: Caladan Oceanic
  • Credit: Caladan Oceanic
    Credit: Caladan Oceanic
/
MeteoWeb

Si nasconde a quasi 7km di profondità sotto l’Oceano Pacifico, diviso a metà: è l’USS Destroyer Escort Samuel B. Roberts (DE-413), noto come Sammy B, il relitto più profondo mai trovato al mondo. Victor Vescovo, un esploratore che ha già completato spedizioni nei punti più profondi del mondo, ha individuato il relitto il 22 giugno. 

Si trova a una profondità di 6.895 metri, nel Mar delle Filippine. In confronto, la vetta del Kilimangiaro è di 5.896 metri. In precedenza, il relitto più profondo mai identificato e rilevato era l’USS Johnston, trovato l’anno scorso da Vescovo e che si trova a 6.469 metri.  

L’USS Destroyer Escort Samuel B. Roberts si spezzò in due pezzi, che si trovano a circa 10 metri l’uno dall’altro. Il Sammy B. affondò nella battaglia al largo di Samar, il 25 ottobre 1944, in cui la Marina degli Stati Uniti sconfisse la più grande flotta giapponese, a est dell’isola di Samar nelle Filippine. Ha combattuto tre corazzate giapponesi, inclusa la Yamato, che si dice sia la più grande mai costruita.  

La nave americana trasportava 224 membri dell’equipaggio, 89 dei quali morirono nel naufragio. Quando il Sammy B. colò a picco, i sopravvissuti rimasero a galla in mare per tre giorni, e diversi morirono attaccati dagli squali, prima di essere soccorsi e portati in salvo. Il capitano Robert W. Copeland fu uno dei sopravvissuti. La nave “ha combattuto ferocemente anche se era completamente surclassata dalle corazzate giapponesi e dagli incrociatori pesanti contro cui si è scontrata“, ha detto Vescovo alla CNN. “L’eroismo del suo capitano e dell’equipaggio è leggendario nella Marina ed è stato un grande onore trovare la sua ultima dimora. Penso che aiuti a chiudere la storia della nave, per le famiglie di coloro che ci hanno lasciato e coloro che hanno operato su di essa. Penso che avere una nave che sparisce nelle profondità, per non essere mai più vista, può lasciare coloro che sono legati alla nave con un senso di vuoto. Trovare i relitti può aiutare a portare una conclusione e portare anche dettagli sulla battaglia che forse non conoscevamo prima”, ha aggiunto. 

Vescovo e un team di EYOS Expeditions hanno effettuato sei immersioni in otto giorni alla ricerca della nave, nonché di un’altra nave statunitense, la Gambier Bay. Inizialmente hanno individuato i detriti del Sammy B., un lanciasiluri a tre tubi, e poi l’ultimo giorno, hanno localizzato il relitto. Vescovo ha definito un “onore” trovare la nave, dicendo in una dichiarazione che localizzarla aveva dato alla squadra la possibilità di “raccontare la sua storia di eroismo e dovere”.  

“In tempi difficili, è importante riflettere su coloro che hanno sacrificato così tanto, così volentieri, in tempi ancora più difficili per garantire le nostre libertà e il nostro modo di vivere. Rimango sempre sbalordito dallo straordinario coraggio di coloro che hanno combattuto in questa battaglia contro probabilità davvero schiaccianti e hanno vinto”, ha affermato Vescovo. “È incredibilmente emozionante trovare un relitto sul fondo dell’oceano profondo, date tutte le difficoltà nel cercare di trovarlo. È un privilegio immenso essere la prima persona a vederlo dopo che è caduto in battaglia quasi 80 anni fa“. 

Il team è anche andato più in basso a oltre 7.000 metri per cercare un’altra nave, una portaerei, chiamata Gambier Bay, ma non è riuscita a trovarla.