Virus, in Gb torna la poliomelite dopo 40 anni: ceppo che causa paralisi mutato dal vaccino

La poliomielite si diffonde attraverso la tosse e gli starnuti o il contatto con oggetti contaminati da feci, causando paralisi permanente in circa uno su 100 casi: il ceppo del virus mutato dal vaccino si è diffuso a Londra attraverso l'acqua

MeteoWeb

La poliomielite potrebbe diffondersi nel Regno Unito per la prima volta in quasi 40 anni, hanno avvertito oggi i dirigenti sanitari britannici, dichiarando la faccenda come un “caso nazionale“. I funzionari hanno trovato tracce di una versione del virus derivata dal vaccino in campioni di acque reflue in alcune parti di Londra e affermano che è “probabile” la trasmissione all’interno della comunità, come precisa il Daily Mail Online che ne ha dato notizia.

I genitori londinesi, già da tempo, stati esortati a garantire che i figli siano in regola con le vaccinazioni contro la poliomielite, in particolare dopo la pandemia, quando i programmi di immunizzazione scolastica sono stati interrotti. La poliomielite si diffonde attraverso la tosse e gli starnuti o il contatto con oggetti contaminati da feci, provocando una paralisi permanente in circa uno su 100 casi. I bambini corrono un rischio maggiore.

Il virus è stato rilevato più volte tra febbraio e maggio e ha continuato a mutare, secondo l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA). Si pensa che qualche individuo immunizzato con il vaccino vivo contro la poliomielite – che utilizza una versione indebolita del virus – si sia recato nel Regno Unito e abbia versato parte dell’agente patogeno nelle feci. Ma i funzionari sanitari insistono sul fatto che il rischio per il pubblico in generale è “estremamente basso“, con indagini urgenti ora in corso per trovare chiunque sia stato infettato.

L’ultima volta che qualcuno ha contratto la poliomielite nel Regno Unito è stato nel 1984, ma da allora ci sono stati dozzine di casi importati. La Gran Bretagna è stata dichiarata libera dalla poliomielite nel 2003. La notizia arriva mentre Londra combatte un’epidemia di vaiolo delle scimmie, un’altra rara malattia virale che fino a poco tempo fa era confinata in parti dell’Africa occidentale e centrale. L’UKHSA ha affermato di aver trovato “diversi poliovirus strettamente correlati” in campioni raccolti dal London Beckton Sewage Treatment Works a Newham. Nessun caso è stato ancora confermato, ma l’UKHSA ha affermato che è probabile che ci sia stata una certa diffusione tra individui strettamente collegati nel nord e nell’est di Londra.

vaccino antipolio

È normale che tracce del virus vengano rilevate occasionalmente come parte dei test di routine delle acque reflue, ma i risultati sono normalmente una tantum. Questi in genere provengono da persone che sono state vaccinate con il vaccino orale vivo all’estero e poi si sono recate nel Regno Unito. Le persone a cui è stato somministrato il vaccino orale possono eliminare il virus vivo indebolito utilizzato nel vaccino attraverso le feci, anche per diverse settimane.

La maggior parte dei paesi è passata ai vaccini contro la poliomielite che utilizzano frammenti di virus inattivati, ma alcuni paesi in via di sviluppo si affidano ancora al vaccino vivo. I campioni di Londra hanno destato preoccupazione perché provenivano da persone diverse e contenevano due mutazioni che suggeriscono che il virus si sta evolvendo mentre si diffonde tra le persone. Non è chiaro fino a che punto si sia diffuso il virus, ma si spera che l’epidemia sia contenuta in una singola famiglia o nucleo familiare.

poliomielite

Poliomelite e vaccino

La poliomielite paralizzava milioni di bambini in tutto il mondo ogni anno negli anni ’40 e ’50 e ne consegnava migliaia ai “polmoni d’acciaio“, macchine grandi e costose che li aiutavano a respirare. La maggior parte delle persone non mostra alcun segno di infezione, ma circa una persona su 20 presenta sintomi minori come febbre, debolezza muscolare, mal di testa, nausea e vomito. Circa un paziente su 50 sviluppa forti dolori muscolari e rigidità al collo e alla schiena. Meno dell’uno per cento dei casi di poliomielite provoca paralisi e uno su 10 di questi provoca la morte.

La dott.ssa Vanessa Saliba, epidemiologa consulente presso l’UKHSA, ha dichiarato: “Il poliovirus derivato da vaccini è raro e il rischio per il pubblico in generale è estremamente basso. Il poliovirus di derivazione vaccinale ha il potenziale per diffondersi, in particolare nelle comunità in cui l’assorbimento del vaccino è inferiore. In rare occasioni può causare paralisi nelle persone che non sono completamente vaccinate, quindi se tu o tuo figlio non siete in regola con le vaccinazioni contro la poliomielite è importante contattare il vostro medico di famiglia o, se non siete sicuri, controllare il libretto rosso. La maggior parte della popolazione del Regno Unito sarà protetta dalla vaccinazione durante l’infanzia, ma in alcune comunità con una bassa copertura vaccinale, gli individui potrebbero rimanere a rischio“.

Il vaccino contro la poliomielite è offerto come parte del programma di vaccinazione infantile di routine del SSN. Viene somministrato all’età di otto, 12 e 16 settimane come parte del vaccino sei in uno e poi di nuovo a tre anni come parte di un richiamo prescolare. Il richiamo finale si tiene all’età di 14 anni.

L’assorbimento è leggermente diminuito a livello nazionale durante la pandemia di Covid, ma rimane al di sopra del 90% a livello nazionale. I tassi sono più bassi a Londra e nelle comunità povere e delle minoranze etniche. Solo l’86,7% dei bambini di un anno a Londra ha ricevuto la prima dose di vaccino contro la poliomielite rispetto alla media del Regno Unito del 92,6%. Ci sono preoccupazioni che l’esitazione sul vaccino sia aumentata durante la crisi del Covid a causa della disinformazione diffusa sui jab per quel virus e della chiusura delle scuole.

Sintomi e contagio

La poliomielite è una malattia altamente infettiva che si diffonde attraverso la tosse e gli starnuti, i fluidi corporei o il cibo, l’acqua, i vestiti o altri oggetti contaminati con le feci. Il virus vive nella gola e nell’intestino per un massimo di sei settimane, con i pazienti più infetti da sette a 10 giorni prima e dopo l’insorgenza dei sintomi. Ma può diffondersi al midollo spinale causando debolezza muscolare e paralisi. Il virus è più comune nei neonati e nei bambini piccoli e si manifesta in condizioni di scarsa igiene. Esistono tre ceppi di poliomielite “selvaggia”, che è stata ampiamente eradicata in tutta Europa, nelle Americhe, nel sud-est asiatico e nel Pacifico occidentale. I tipi 2 e 3 sono stati eliminati grazie a una campagna globale di vaccini di massa, con gli ultimi casi rilevati rispettivamente nel 1999 e nel 2012.

La restante poliomielite selvaggia di tipo 1 rimane endemica solo in due paesi, Afghanistan e Pakistan. I casi sono scesi da 350.000 nel 1988 a soli 33 casi segnalati nel 2018, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tuttavia, ci sono ancora occasionalmente casi sporadici di poliovirus derivati ​​​​dal vaccino. Questi sono ceppi che sono stati inizialmente utilizzati nei vaccini vivi ma si sono diffusi nella comunità e si sono evoluti per comportarsi più come la versione selvaggia.

Il poliovirus di tipo 2 (VDPV2) di derivazione vaccinale, quello che è stato rilevato a Londra, è il tipo più comune. Ci sono stati quasi 1.000 casi di VDPV2 a livello globale nel 2020. Dal 2019 tutti i paesi del mondo utilizzano vaccini che contengono versioni inattivate del virus che non possono causare infezioni o malattie. Ma l’UKHSA ha affermato che i paesi in cui il virus è ancora endemico continuano a utilizzare il vaccino contro la poliomielite orale vivo (OPV) in risposta alle riacutizzazioni. Il vaccino in questione – precisa il Daily Mail – ha portato il poliovirus selvaggio sull’orlo dell’eradicazione e ha molti vantaggi. Ma nelle aree con bassi tassi di vaccinazione, il virus presente nel jab può diffondersi e acquisire rapide mutazioni che lo rendono infettivo e virulento come il tipo selvatico.

Il professor David Heymann, esperto di malattie infettive presso la London School of Hygiene & Tropical Medicine, ha dichiarato: “Il fatto che sia stato trovato nelle acque reflue nel Regno Unito attesta la forza dei programmi di sorveglianza dell’UKHSA. La sua presenza ci ricorda che l’eradicazione della poliomielite non è stata ancora completata nel mondo. L’elevata copertura vaccinale con il vaccino antipolio inattivato nel Regno Unito limiterà la diffusione della poliomielite derivata dal vaccino e proteggerà coloro che sono stati vaccinati contro la paralisi della poliomielite“.

L’organismo di controllo del farmaco del Regno Unito e l’Organizzazione mondiale della Sanità stanno lavorando a un vaccino specifico per i ceppi di poliomielite derivati ​​dal vaccino. Viene già utilizzato in alcune parti dell’Africa, inclusa la Nigeria, dove questi tipi di ceppi sono endemici.

Foto Ansa

Il dottor David Elliman, pediatra consulente presso il Great Ormond Street Hospital, ha affermato che la scoperta ha rafforzato l’importanza della vaccinazione contro le malattie eradicate. “I genitori a volte chiedono perché, quando le malattie sono rare nel Regno Unito, o nel caso della poliomielite è stata eliminata, continuiamo a vaccinarci contro di loro. La risposta è che, sebbene siamo un’isola, non siamo isolati dal resto del mondo, il che significa che le malattie potrebbero essere portate dall’estero. La scoperta del virus della poliomielite derivato dal vaccino nelle acque reflue dimostra il punto. Sebbene l’adozione dei vaccini contro la poliomielite sia elevata nel Regno Unito, ci sono bambini che non sono immunizzati e quindi a rischio di sviluppare la poliomielite se vengono a contatto con questo virus. Il rischio è piccolo, ma è facilmente prevenibile dal vaccino, che nel Regno Unito viene ucciso e quindi non può causare la malattia. Non esiste un limite di età superiore per il vaccino. Chiunque non sia completamente vaccinato contro la poliomielite dovrebbe chiedere consiglio al proprio medico curante o al medico generico.