Meteorologi USA: “l’ondata di caldo in Europa potrebbe essere la peggiore del continente dal 1757”

"Si teme che questo caldo possa diventare un'ondata di caldo di lunga durata (20 o più giorni) per molte località dal Portogallo alla Francia centrale e all'interno dell'Europa sudorientale poiché potrebbe durare per il resto di luglio e continuare fino ad agosto"

MeteoWeb

Per i meteorologi AccuWeather, autorevole centro meteorologico statunitense, quella in atto potrebbe essere una delle ondate di calore più significative nell'Europa occidentale in oltre 200 anni, con il rischio di un grande numero di vittime nel continente. 

Il caldo ha già infuocato Portogallo e Spagna con temperature che sono andate ampiamente oltre i +40°C in moltissime località. Siviglia, in Spagna, è stato uno dei luoghi più caldi, con la colonnina di mercurio che ha raggiunto o superato i +41°C per nove giorni consecutivi. Giovedì 14 luglio, Pinhão, in Portogallo, ha registrato la temperatura di +47°C che, se confermata, potrebbe diventare la temperatura più alta mai registrata nel Paese a luglio. L'attuale record di luglio del Paese è di +46,5°C, stabilito ad Amareleja nel 1995. 

Secondo il quotidiano spagnolo La Vanguardia, questa settimana ci sono stati più di 360 morti finora attribuiti all'ondata di caldo nel Paese. 

Si prevede che questa ondata di caldo si espanda in tutta Europa durante il weekend e potenzialmente fino alla fine del mese per alcune aree. "Si teme che questo caldo possa diventare un'ondata di caldo di lunga durata (20 o più giorni) per molte località dal Portogallo alla Francia centrale e all'interno dell'Europa sudorientale poiché potrebbe durare per il resto di luglio e continuare fino ad agosto", afferma Tyler Roys, meteorologo di AccuWeather. Ciò include le valli dell'Ungheria, della Croazia orientale, della Bosnia orientale, della Serbia, della Romania meridionale e della Bulgaria settentrionale. L’intensità del caldo potrebbe fare a gara con l'ondata di caldo del 2003, quando oltre 30.000 persone persero la vita, sia direttamente che indirettamente, a causa del caldo, secondo Roys. Il meteorologo ha aggiunto che questa potrebbe essere una delle peggiori ondate di calore in Europa dal 1757

La fonte dell'aria eccezionalmente calda responsabile di questa ondata di caldo è il deserto del Sahara, con il calore che si prevede si espanderà più a nord e ad est ogni giorno, raggiungendo Belgio, Paesi Bassi, Germania e Regno Unito alla fine di questo weekend. "I record di tutti i tempi di luglio sono a rischio di essere avvicinati, pareggiati o addirittura battuti in Irlanda e nel Regno Unito", ha affermato Roys. "Ciò include singole città come Birmingham, Dublino, Manchester e York". 

Venerdì 15 luglio, il Met Office del Regno Unito ha emesso la prima allerta rossa per caldo estremo in assoluto per lunedì 18 e martedì 19 luglio, quando si prevede che "l'eccezionale ondata di caldo" porterà "impatti diffusi sulle persone e sulle infrastrutture", con il rischio di "malattia e morte” anche tra le persone sane e in forma e non solo nei gruppi ad alto rischio. 

Durante il picco del caldo, nel Regno Unito potrebbe essere stabilito un nuovo record assoluto. Quello attuale per il Paese è di +38,7°C, stato stabilito al Cambridge Botanica Garden il 25 luglio 2019. A Parigi, le temperature all'inizio della prossima settimana potrebbero sfiorare i +40°C. I corridori e gli spettatori del Tour de France dovrebbero prepararsi alle temperature eccezionalmente alte mentre il tour si fa strada attraverso il sud della Francia dopo aver lasciato le Alpi. Gli spettatori lungo le strade dovrebbero prendere le dovute precauzioni per evitare problemi legati al caldo. 

Le temperature estreme stanno rendendo ancora più difficile il lavoro delle migliaia di Vigili del Fuoco impegnati a combattere gli incendi in Portogallo, Spagna e Francia. Quasi 6.500 persone sono state evacuate nel sud-ovest della Francia vicino alle città di Landiras e La Teste-de-Buch a causa di un incendio boschivo fuori controllo.  

Non si prevede che l'ondata di caldo diffusa si attenuerà presto, con le temperature che rimarranno ben al di sopra della media per tutta la prossima settimana in gran parte dell'Europa, anche se la metà settentrionale del continente dovrebbe raffreddarsi entro la metà della settimana. 

Le ondate di caldo a lungo termine sono rare in Europa, ma non sono sconosciute. "Negli ultimi 25 anni, ci sono state solo tre ondate di calore di lunga durata che hanno colpito parti dell'Europa: 2003 (Europa occidentale e centrale, 32 giorni), 2006 (Europa occidentale e centro-settentrionale, 35 giorni) e 2021 (Italia ed Europa sudorientale, 21 giorni)", ha spiegato Roys. La scorsa estate è stata anche la più calda mai registrata per l'Europa.