Australia, SOS ambiente: flora e fauna mai così a rischio

La flora e la fauna dell'Australia sono più che mai a rischio a causa di attività umana e riscaldamento globale

MeteoWeb

Il rapporto quinquennale sullo Stato dell'Ambiente in Australia, redatto da un gruppo di 32 esperti, ha lanciato l'allarme: il Paese ha sofferto perdite catastrofiche di fauna nativa e di habitat, a causa di crescenti pressioni da cambiamento climatico, perdita di habitat, specie invasive, inquinamento ed estrazione di minerali, che hanno avuto un profondo impatto su ecosistemi già fragili. Il nuovo report documenta che l'Australia ha perso più mammiferi di tutti i continenti. Oltre l'80% delle quasi 400 specie di mammiferi del Paese non si trova in nessun altra parte del mondo. Le 39 specie di mammiferi scomparse dalla colonizzazione nel 1788 a ora, rappresentano il 39% di tutti i mammiferi estinti nel mondo.

Dal 2016, quando è stato pubblicato il precedente State of the Environment, 17 specie di mammiferi sono state aggiunte alla lista delle specie a rischio o declassate alla lista in pericolo critico, insieme a 17 specie di uccelli e 19 di rane.

Il nuovo rapporto indica la deforestazione come maggiore causa della perdita di fauna. Tra il 2000 e il 2017 sono stati disboscati 7,7 milioni di ettari di terreno attraverso l'Australia e il 93% della vegetazione è stato soppresso in habitat di specie a rischio. 

Ecco di seguito alcune conclusioni del report, suddivise per aree:

Biodiversità

  • L'Australia ha perso più specie di mammiferi di qualsiasi altro continente e ora ha più specie di piante straniere rispetto a quelle autoctone
  • Il numero di nuove specie elencate o inserite in una categoria di minaccia superiore è aumentato dell'8% dal 2016 e aumenterà di nuovo a causa degli incendi boschivi dell'estate nera
  • 377 piante e animali di importanza ambientale nazionale sono stati aggiunti alla lista di specie minacciate negli ultimi 10 anni.

Clima

  • Le temperature della terra australiana sono aumentate di 1,4°C
  • L'ondata di caldo del 2018 ha ucciso 33.000 volpi volanti nere e dagli occhiali in due giorni. La volpe volante dagli occhiali è ora in pericolo
  • Le ondate di caldo marine hanno causato lo sbiancamento di massa dei coralli sulla Grande Barriera Corallina nel 2016, 2017 e 2020.

Acque interne e coste

  • Corsi d'acqua, spiagge, litorali generalmente in cattive condizioni in prossimità dei centri urbani
  • L'estrazione di acqua e la siccità hanno lasciato il bacino di Murray Darling a un livello record nel 2019
  • Il bacino ha visto devastanti uccisioni di massa di pesci e una diminuzione delle popolazioni di uccelli; solo due dei 450 gigalitri promessi dal piano del bacino sono stati finora consegnati.

Mare e plastica

  • La Grande Barriera Corallina rischia di essere inserita nell'elenco del patrimonio mondiale in pericolo dopo gli eventi di sbiancamento di massa dei coralli nel 2016, 2017 e 2020
  • Scogliere e specie associate tra cui pesci in cattive condizioni e in degrado
  • Fino a 60.000 pezzi di plastica trovati per chilometro quadrato d'acqua a Perth; tra 40.000 e 80.000 a Brisbane.