Boom della popolazione per uno degli uccelli più unici (e a rischio) del mondo

Un recente evento riproduttivo ha ripristinato la speranza per il futuro del vagabondo delle pianure australiane in pericolo di estinzione

MeteoWeb

Il vagabondo delle pianure australiane (Pedionomus torquatus) siede da solo sul proprio ramo dell'albero evolutivo, essendo l'unica specie sopravvissuta della famiglia Pedionomidae, un'antica stirpe di uccelli che si è evoluta in Gondwana più di 100 milioni di anni fa. Un tempo abbondanti nelle praterie orientali dell'Australia, questi uccelli ora si trovano solo in piccole popolazioni frammentate. I numeri sono in così forte calo che questi uccelli sono elencati come in pericolo di estinzione nella Lista Rossa dell'IUCN e sia sotto il governo del Commonwealth che del Victoria. Sono anche classificati come priorità numero uno per l'azione di conservazione tra gli uccelli del mondo dalla Zoological Society of London.

Ma una recente indagine nel Victoria settentrionale ha scoperto un numero record dei piccoli uccelli simili a quaglie. “Abbiamo rilevato 60 adulti e 41 piccoli. Questo è più del doppio del precedente miglior risultato nel 2018, quando sono stati rilevati 30 adulti e 17 piccoli", afferma Dan Nugent, studente di dottorato presso la La Trobe University. In effetti, questo è il numero più grande di vagabondi delle pianure nelle pianure settentrionali del Victoria da quando è iniziato il monitoraggio nel 2010. "Un ulteriore segnale incoraggiante è stato che l'85% dei siti di monitoraggio supportava i vagabondi delle pianure, la percentuale più alta di siti dall'inizio delle indagini", afferma Dan.

Mentre i miglioramenti nella tecnologia e nei metodi di indagine nel corso degli anni potrebbero contribuire all'aumento dei numeri di indagine, la crescita della popolazione è probabilmente il risultato di un intervento umano e non umano, afferma Laura Chant, project manager di North Central CMA. "Il ciclo climatico di La Nina ha facilitato un evento riproduttivo diffuso e prolungato, che probabilmente ha aumentato il loro numero", afferma Chant. "Inoltre, è molto probabile che le misure di gestione e protezione dell'habitat che noi e diverse organizzazioni partner abbiamo adottato in molti anni per proteggere questo incredibile uccello si stiano rivelando molto efficaci, compresi i patti di conservazione e il pascolo strategico delle riserve di conservazione".

Ma mentre si celebrano i risultati dell'ultima indagine, Dan afferma che gli ambientalisti rimangono estremamente preoccupati per il futuro dei vagabondi delle pianure. “Nel Victoria, la perdita di habitat causata dalla conversione delle praterie autoctone in terreni coltivati ​​è una grave minaccia. Con così poco habitat rimanente, la popolazione continuerà a essere vulnerabile; anche la predazione da parte delle volpi può essere un processo minaccioso, ma rimane una lacuna di conoscenza", conclude l'esperto.