Cern, prima collisione a energia record nell’acceleratore LHC

Per il Cern si apre una nuova "stagione" della fisica, con un programma scientifico vasto e promettente

MeteoWeb

Ottenuta la prima collisione a energia record nell’acceleratore di particelle Large Hadron Collider (LHC) del Cern di Ginevra, che apre oggi una nuova pagina della fisica. Dopo oltre tre anni di aggiornamento e manutenzione, prende così avvio il terzo periodo di presa dati (Run 3), che per i prossimi 4 anni lavorerà a 13,6 TeV, pari a 13,6 trilioni di elettronvolt: un’energia che fornirà una precisione e un potenziale di scoperta mai raggiunti prima. I protoni saranno inoltre concentrati su una dimensione del fascio inferiore a 10 milionesimi di metro: un aumento del tasso di collisione che può aprire la via a nuove scoperte.  

Avremo una capacità di esplorare l’incognito molto più elevata“, ha affermato la direttrice del Cern, Fabiola Gianotti. I fisici delle particelle prevedono di raccogliere una quantità di dati doppia rispetto a quella ottenuta finora. Per il Cern si apre una nuova “stagione” della fisica, con un programma scientifico vasto e promettente.