Colorazione anomala delle acque della costa romagnola, Arpae rassicura: “è una fioritura microalgale”

Il fenomeno è causato dall’abbondante presenza di una microalga del tutto innocua per i bagnanti

MeteoWeb

In questi giorni sono state segnalate in alcuni tratti di costa compresi tra Pinarella e Igea Marina macchie con una colorazione tendente al rosso-bruno. Arpa Emilia-Romagna ha reso noto che il fenomeno è riconducibile a una fioritura microalgale che si manifesta per particolari situazioni che agiscono in modo sinergico: condizioni meteo marine stabili, temperature elevate, forte irraggiamento solare e apporto di nutrienti, come si è già verificato negli anni passati.

La microalga che causa la colorazione delle acque è la Fibrocapsa japonica, assolutamente innocua per i bagnanti. Si tratta di un’alga microscopica unicellulare appartenente alla famiglia delle Raphydophyceae, da diversi anni presenti in Adriatico. La prima segnalazione della sua presenza nelle acque marine italiane risale infatti al 1994 e da allora ricompare con una certa regolarità anche lungo il litorale emiliano-romagnolo, in particolare nella fascia centro-meridionale. Sempre in questi giorni il fenomeno ha riguardato anche le acque marchigiane nel tratto a ridosso di Senigallia (AN).

La fioritura (bloom) si presenta entro i 200-300 m dalla battigia, perché questo tipo di fitoplancton predilige le acque a temperatura più elevata, e si concentra e si addensa soprattutto nelle ore pomeridiane per effetto dei venti di scirocco a regime di brezza. L’intensità della fioritura non è uniforme in quanto in alcune zone raggiunge picchi di intensità tali da ridurre la trasparenza a pochi centimetri come ad esempio lungo il litorale tra Zadina e Cesenatico, dove sono state riscontrate nei giorni scorsi alte concentrazioni algali. Spesso il fenomeno si manifesta a giorni alterni. Può capitare che al mattino l’acqua risulti limpida o appena velata dalla classica torbidità; poi, verso mezzogiorno, la torbidità aumenta e l’acqua comincia a colorarsi. Il vento di grecale previsto nella giornata di oggi potrebbe aiutare a disperdere la biomassa microalgale e a portare alla scomparsa del fenomeno, ha concluso Arpa regionale.