Esplosione sul Sole, le particelle cariche hanno raggiunto la Terra: tempesta geomagnetica in corso

La nostra stella ha generato un'esplosione: la nube di particelle cariche ha raggiunto il nostro pianeta

MeteoWeb

Il vento solare soffia con un'intensità insolita in questi giorni e i meteorologi spaziali pensano che potrebbe rendere più luminose le aurore. La nostra stella ha emesso un'espulsione di massa coronale (CME) molto lenta venerdì 15 luglio, che ha raggiunto il nostro pianeta. Una CME è un'esplosione di particelle cariche dall'atmosfera superiore del Sole, chiamata corona, che può interagire con il campo magnetico terrestre e causare tempeste geomagnetiche. Tali tempeste, oltre a creare splendide aurore, possono avere effetti sui collegamenti satellitari e a volte possono anche causare interruzioni di corrente.

L'attuale CME, tuttavia, non è particolarmente potente e possiamo principalmente aspettarci che le aurore risultanti si estendano a latitudini leggermente inferiori dalle loro solite posizioni ai circoli polari. Nel Regno Unito, potrebbero essere visibili dal Nord della Scozia mentre nel continente americano non è probabile che si estendano oltre il Canada centrale. L'attuale CME, che sta influenzando il campo magnetico terrestre da martedì 19 luglio, sta ricevendo una spinta da un po' di vento solare emesso da due buchi coronali, che sono aperture nel campo magnetico del Sole che consentono al plasma solare più freddo di fluire nello Spazio.

Gli esperti hanno previsto che la tempesta andrà solo da livelli "tranquilli" a "instabili". "L'attività geomagnetica sarà inizialmente tranquilla, con una leggera possibilità di intervalli isolati non stabilizzati alla fine del 20 luglio, aumentando da instabile ad attiva con intervalli isolati G1/tempesta minore probabilmente dopo il giorno 2 o il giorno 3 (21 o 22 luglio) a causa degli arrivi di vento veloce," ha affermato in una nota il centro meteorologico spaziale del Met Office del Regno Unito.

Il Sole è per il resto tranquillo in questi giorni, secondo il Met Office, con alcune "macchie solari stabili e inattive sul disco visibile" che producono occasionali lievi brillamenti solari. "Si prevede che l'attività solare sarà bassa, con una possibilità di aumento a moderata per eventuali brillamenti moderati che si verificano a causa del numero di regioni di macchie solari sul disco visibile," ha affermato il Met Office.